Towards the Fitness of the New Millennium: the Social Contribution of the Bones For Life Programme

versione italiana

This article was originally written by Daniela Agazzi for her participation to the Movement Intelligence Senior Trainers Training with Ruthy Alon in Israele on May 2014. It is also published on the official website of Ruthy Alon http://www.movementintelligence.com.

 

 by Daniela Agazzi

The strategies of the programme which traces its origins to the Feldenkrais Method, from the Weber-Fechner law through the original principles of the use of pressure and the use of weight loads in the Bones For Life programme towards a new approach to fitness which contributes to the development of the civilized human being.  

 

The origins of the Bones For Life programme from the principles of the Feldenkrais Method

Daniela Agazzi  is certified Senior Trainer in Movement Intelligence with Ruthy Alon - Israel may 2014

Daniela Agazzi is a certified Senior Trainer in Movement Intelligence – the umbrella designation for all of Ruthy Alon’s programs – with Ruthy Alon Israel may 2014

 ‘The more advanced Technology gets, the poorer civilized man’s fitness seems to become. The quality of personal movement coordination in the culture is lagging behind the inventive capacity of human’s mind faculty to provide solutions for life needs. Growing in age, people tend to lose the ease of moving, as well as the primal intelligence which could lead them to a more gratifying use of their body. With walking done with difficulty, distortion of posture, faces expressing suffering, the civilized human tend to reach a condition which would not have allowed him to survive in pre- cultural natural reality.

If Pre-historic man would not have been able to walk well, let alone to run, he would not have survived, and we would not be here today. In the language of evolution a skillful movement is equal survival. Fortunately civilization is allowing us to exist with lower standards, but with the acceptance of less than satisfactory mobility, we also lose the joy of existence which is inherent in moving freely.
Those people who intentionally take responsibility for their personal ecology, and are willing to invest in restoring their quality of moving, may find many available methods for building up fitness, but most of these methods might be irrelevantly exaggerated or do not answer the basic need for natural movement which serves life.’ [1]

How does the Bones For Life programme claim to be different and innovative? What are the strategies which accompany the aim of updating human beings’ fitness?

The Bones For Life programme, created by Ruthy Alon, has its origins in the principles of the Feldenkrais Method. Ruthy Alon is in fact a Senior Trainer of the Feldenkrais Method; she had direct contact with the genius Moshe Feldenkrais for some 40 years and has taught and still teaches this Method in many countries throughout the world. Her contribution could not fail to be influenced by this long experience in her own life.

The Weber-Fechner law

Moshe Feldenkrais, the founder of the method which bears his name, based this innovative approach on the Weber-Fechner law. This is a general psychological law splendidly described and placed in its historical and cultural context in a 1997 article by Feldenkrais Method Trainer Dennis Leri. This law relates

‘the degree of response or sensation of a sense organ and the intensity of the stimulus.’ [2]

In practice, what happens in our everyday life? If you are on a sunlit beach at midday and light a candle, can you notice the difference in the quantity of light? If you are in an extremely silent place, such as in the countryside, far from the city, you can hear a car arriving from the approach of its noise, but if you are in a chaotic city centre in the middle of a traffic jam does anything change if one more car arrives? The Weber-Fechner law tells us that we often cannot notice the auditory stimulus of the arrival of a car but that this ability of the nervous system depends on the context of the background stimulus.

With his Method Dr. Moshe Feldenkrais showed us that to improve the learning of the nervous system it is necessary to reduce the effort (and obviously the basic muscle tone) and that this allows the development of our own motor sensitiveness which will be at the service of the learning. The Weber-Fechner law allowed him to state what he intuitively knew through experience. In other words, the greater the background noise the less we are able to hear small and subtle stimuli. It is a physiological phenomenon which is held to be valid for almost all our senses. And thus it is reasonable to suppose that the more the muscle effort or background noise in an action is reduced, the greater will be our ability to feel and perceive what we are doing. It may be deduced from this that the intentional reduction of effort will be significant for the ability to learn better ways of acting.
Ernst Heinrich Weber (1795-1878), a German anatomist and physiologist, first introduced the concept of ‘just noticeable difference’ that is the smallest perceptible difference between two similar stimuli. Weber’s empirical observations were then expressed in a mathematical formula by Gustav Theodor Fechner, who called his formula Weber’s Law. [3]

The Weber-Fechner principle allows us to relate quantity and quality in movement. The Feldenkrais Method teaches us to reduce the basic stimulus and allows us to learn to perceive the just noticeable differences at lower thresholds than normal. Learning with minimum effort is already a satisfaction in itself, given that movement becomes particularly easy and pleasant, but it turns out to be only a strategy which allows the true and deepest learning that renews our whole neuromotor organisation of everyday actions. The Feldenkrais Method places us once more at the moment in which our dynamic habits are built on the base of life experience. And in the light of recent discoveries, which came about thanks to studies in neuroscience, we now know how much our experience, based on sensorimotor perception, is plastic and susceptible to great development. [4]

The sensorimotor activities of the human species were built over millions of years of evolution. The evolutionary processes are the basis of the habits of our species. At the phylogenetic level they carry a inherited knowledge which has been perfected and refined and which has allowed the species to survive over time, while at the ontogenetic level they embody in our personal history the events of our life as single individuals and of the cultural group to which we belong.
What allows learning is the ability to perceive differences; the sensitiveness that allows us to recognise what we are doing and to give it significance in relation to a basic context. If there are no differences there is no meaning and there will be no learning. In fact our nervous system is more able to perceive the margin between two stimuli in comparison – relative perception – than one stimulus taken alone – absolute perception.

By means of its particular structure a Feldenkrais lesson evokes the ancient phylogenetic dynamics of organic learning, and adding to it an intelligent re-elaboration of ontogenetic skills allows us to do more, and better, with less effort.
An idea which is certainly not often found in the world of movement education. The specific skills of the species are being ever more often forgotten and left behind in our repertoire of human movement, lost as we are in chasing after the idea of power even at the expense of harmony. And we do not realise that this way of behaving distances us from the protective organic ability to perceive the body and the quality of our actions.

The Feldenkrais lesson makes us perceive again these ancient skills, and happens like a sort of re-discovery of a way of act, of thinking and of being ourselves which permits us to learn throughout our lives increasingly delicate, refined and healthy aspects of experience ourselves in the world. We cultivate the perception of small differences. We are going to move the threshold above which we can pick out the barely perceptible differences. Regarding the perception of weight in fact – which at the proprioceptive level constitutes a particularly determining element – according to the Weber-Fechner law we can perceive the difference of around 1/20 of what we are already carrying. Naturally this varies from person to person. It also varies according to several other factors, but the simplest approximation of the human ability to perceive the difference in weight is that we can feel a difference of from 1/20 to 1/40, if we are particularly sensitive.
New distinctions and acquisitions may be made thanks to sensorimotor operations of more recent and refined differentiation. Our attention is aroused by unusual differences. And the boundaries under which we do not perceive anything and over which we perceive something will finally be changed. And new habits may thus be formed. The Weber-Fechner law shows the perceptive habits that our species uses to live in the world. The various boundary points between the basic stimulus and the stimulus of emerging perception are established by us as learned habits. Consequently, using the specific skills of our species, we can reorganise these habits and facilitate learning which is, indeed, a creation of habits.

The operating implications of the Weber-Fechner law show us that there exists a feedback loop between effort and sensitiveness. If the muscle is working under a heavy load there will be less perceptive discernment therefore small differences related to the quality of movement will not be perceived. And this will condition the individual’s organisation of movement. Every human being has in their organisation a certain basic level of muscle tone and in any action, movement or functional activity that we carry out there will be a certain amount of effort involved. And the person can normally perceive the difference in quality between one course of action or another. But if the basic context is a muscle tone which is weary or overloaded by effort or tension then it will have much lower sensitiveness to discerning between one way of behaving and another. The less efficient the base movement, the less chance I will have of discerning its quality. Thus the effect will be that the skill of discernment diminishes even more and the effort goes up, making things worse in a vicious circle. By the organism’s natural homeostasis process it will tend to create a new basic equilibrium of progressively worse quality.

But the Feldenkrais Method allows us to initiate a virtuous circle. If we can find the way to reduce the effort so as to be able to perceive the smallest differences it will be possible to create the space for the freedom of choice between different ways of behaving. The muscles will become freer to function in a better way if freed from the overload, and by a very happy coincidence, the nervous system is freer to learn.

The innovation of the Bones For Life programme

This is the basic theoretical context on which the Bones For Life programme has been taking life and shape, thanks to Ruthy Alon, from 1998. She herself clearly describes its purpose.

‘I had to find a way to use the autonomous learning principles of the organism from the Feldenkrais method, and apply them in a totally different context. The challenge was how to guide rhythmic movement with powerful stomping that will resonate in every bone, without missing the inner exploration leading to quality? How to be faithful to harmony, which can yield the inner transformation, and correct itself, when performing a dynamic, challenging task? How to activate pace-specific intense movement, without falling into the trap of ambition and excessive effort, sacrificing one’s self and denying the subtleties which can correct?’ [5]

So it was a question of finding a way of developing a balance between effort and sensitiveness using the language which nature has

Ruthy Alon teaching in Israel - may 2014

Ruthy Alon teaching in Israel – may 2014

given us to the end of improving the execution of dynamic activities.
Sensitiveness has to do with malleability, self-awareness, adaptability, mobility and fluidity. Sensitivity is about being ready to receive and to perceive. When we are physically or emotionally tense and on the defensive it becomes more difficult to perceive oneself, move freely to carry out any action, or to communicate easily with others. So sensitiveness is the foundation for an appropriate and effective action.

Force is related to solidity, weight, taking decisions, determination and stability, as well as those qualities of physical and mental organisation like rootedness, resolution and tenacity. It involves the elements of power and control. Without force we are not able to act efficiently.
Force and sensitivity are intimately connected. Force which is not balanced by sensitivity will be hard, tense and uncontrolled, and sensitivity not balanced by force will be weak and inefficient. The balance and the integration between force and sensitivity allows a harmonious, comfortable and efficient action. Using this form of physical organisation also produces an emotional state with interior stability and force of will, and this sensation of internal force is crucial for the development of the ability to tackle any personal challenge.

In fact a really ‘fit’ person is someone who can respond creatively to life’s continuously changing demands. As the important research into stress by Hans Selye [6] has shown us, people who experience too many changes in too short a time often fall ill. In this frenetic world living effectively generally requires the ability to make rapid decisions, interact effectively with different types of people, assimilate vast quantities of information and adapt to all kinds of unexpected changes. This high quality fitness demands a flexible integration of mind and body.

In this rediscovered spirit of balance between force and sensitivity it is possible to tackle those dynamic tasks which take place in a context as similar as possible to that of everyday life, and above all if they take place in minimal doses and in a protected environment, they will trigger a positive process of reorganization at the neuromotor level which will create a strengthening of the whole structure of the organism and the person will develop a powerful, balanced and efficient self-image.

‘I recalled that Feldenkrais started his quest of exploring movement efficiency when he practiced Judo, which is a superb test for movement skill, with precision of technique, interwoven in improvisation and resourcefulness while coping with a partner that is unpredictable, acting in the reality of vertical plain and real time. This gave me encouragement to dare to guide a process of inner discovery oriented toward auto improvement, without the greenhouse condition of lying on the floor, but in upright posture, authentic to life, and in a position where the person is committed to be responsible for their balance and posture. I had to create a substitute for the utterly comfortable Feldenkrais atmosphere of learning, that will be more dynamic and demanding, but still, will reduce the level of noise to minimum, in order to hear the subtleties which compose the harmony of self-mobilization.’ [7]

And with the Bones For Life programme we can do precisely that. Bones For Life transmits the language of force to our nervous system. Walking, running, jumping and all the energetic movements of life are reconstructed from within and can be carried out with ever greater ease and success by anyone. The strategies applied are, however, derived from the Feldenkrais Method. With Bones For Life the laboratory of coordination and learning of the nervous system is completed with the introduction to the use of force in the dynamic movement patterns. And this is its novelty.

Lifting weights: wise strenghtening

Process number 47 of the Bones For Life programme, called Lifting Weights, defined also as ‘wise strenghtening’, is a striking example of how one single principle behind a specific strategy – chosen in this case to obtain the strenghtening of the body – can be applied in many different other ways to develop the infinite possible uses of the programme.
The Bones For Life programme, whose development was stimulated by the research into good movement for the strengthening of bone tissue, has proved to be of much broader application. And in fact the strategies for good movement can actually lead to strengthening and development of the whole body structure, certainly not just of the bone tissue which however is still a ‘bonus’ effect of the work.
In the words of Ruthy Alon

‘The significant factor most evident as influencing bone strength is the lifting of weights. The BFL program copes with this activity in a way that is very different from the conventional model, in which weights are being lifted in a gym. With the commitment to safety first, the weights are lifted in the program only when the back is supported by the wall, with extra padding in the lumbar area, in order to limit the upsetting of the lower back vertebrae and preventing them from overreaction to the effort of lifting weight. The trajectory of the arm raising the weight is outlining a spiral configuration, within rotation around its own axis. This way it is gradually engaging one vertebra after another, within proportional cooperation of the total back, without threatening any specific point. Raising the weights in this safe way is gaining a progressive strengthening of the bone within good feeling of self-empowerment.’ [8]

In this process Lifting weights, it is actually normal to use light gym weights of around 500 grams. The main work is above all the learning done by the nervous system. The position in which the movement is carried out is standing and leaning on the wall with a particular protection strategy which prevents the lumbar zone – typically at risk in weightlifting – from acting with unsuitable coordination.

The weights are lifted with the hands. Loads of less than 500 grams can also be used, for example using small objects easily manageable with one hand until reaching the point of symbolic weights such as balls made of paper or rolled-up tights. Depending on the student’s physical state we can use any weight which does not interfere with the protected safe environment in which they are going to work. In this way we permit the nervous system to learn the correct coordination and to create from the beginning a neurological association of this type of movement with a weight, albeit very light, which is not part of their own body.
But after that we might want also to use the opposite strategy. We could progress with small increases in weight, so light that the student does not perceive them as an increase in the weight to be borne. We use the Weber-Fechner law in reverse, remaining below the threshold of the just noticeable difference in weight. With this system we can gradually and safely bring a student to lifting even heavy weights, maintaining and making always easier the acquisition of good coordination with the neurological connections to the chosen movement.

Given that according to the Weber-Fechner law human beings who hold a 10 kg weight in their hands are able to recognise a difference in weight of from one twentieth to one fortieth, that is 500 or 250 grams, in this case we will be able to increase the weight by approximately 150 grams without the student recognising any perceived difference. Thus the student’s internal emotional spirit would not be disturbed by thoughts of possible failure or by demands of excessive effort which might evoke counterproductive habitual motor patterns. The motor coordination learned would be reinforced and at the neurological level it would be possible to have a marked engraving on the person’s nervous tissue. And besides this all the other components of movement – the muscles – would have a minimal increase in the working weight which would be registered and developed. A win-win system in every respect. And we must not imagine that unknown quantities of time would be needed to achieve a strengthening – hours and months of repeated activities which require little muscular effort. Neuroscience reassures us that the nervous system can learn even in relatively rapid way, especially if the stress responses are not activated, and will thus be able to give the necessary signals to the organism for it to reinforce the musculature and all the structures connected to the movement.

There are also other processes in the programme in which this strategy of minimal and progressive load is used. Perhaps the most obvious is the ‘crown’ on the head which offers the possibility of gradually adding weights to carry. This is actually process number 20 The water carriers’ walk which uses the typical Bones For Life rolled cloth as a donut-shaped crown to wear on the head. The very presence of the cloth constitutes a load of extra-corporeal weight which will stimulate a reflex action of upwards elongation of the whole spinal column in order to sustain it. The process itself was sparked off by the tradition of African and Asian women of carrying significant weights on their heads, guaranteeing themselves a flexible and effective posture and walking style over long distances. We can gradually insert small objects into the crown and gradually increase the weight accustoming the organism to an elastic and elegant movement.

Starting from these examples and from the theory that we have seen above we notice that we hold in our hands the simple and powerful tools to be able to redesign the very nature of a fitness programme and that this ability can turn out to be a preparation for any type of sporting activity at amateur or professional level. In a first phase the Weber-Fechner law can be used to develop the sensitivity which will be the environment in which coordination can be improved and then, using the same criteria in the opposite way, we can work towards the strengthening of the whole structure of the body.

For a hypothesis of diffusion: a possible social contribution

With my experience of movement and of somatic education [9] I have often reflected on what could be the ways to introduce the important educative innovations which derive from the field of somatic education and particular from the Bones For Life programme into lessons of all types of movement.

The integration of the methods of somatic education into movement lessons would broaden the concept of physical education well beyond the current boundaries of sporting and fitness activities. Teaching movement would embrace the theme of the body and of movement as it is applied in every human field and the teachers of movement would become consultant experts involved in a vast array of activities.

Physical education, broadly speaking, is the study of that which is living being in the human body. It is an intensely practical study of what it means to live well and all the important human themes can be tackled through their somatic component. Moreover, I would go so far as to say that they cannot be tackled with maximum effectiveness without paying some attention to their somatic component.

It is the essential insight into the neurological connection between sensitiveness, awareness, action and development of the skill which makes Bones For Life successful. The body’s need to sustain its own weight, the same need to strengthen itself to carry out everyday activities and activities with a slightly higher motor demand elicit the organism’s spontaneous response.
Sensitivity must be considered first but then it becomes crucial for a re-education and for a high level of fitness. People often exercise whilst watching TV, talking on the telephone or listening to music. These practices actually do not encourage sensitivity. Besides, there is the common and sad conviction that we cannot be fit and healthy unless we exercise with great effort. Give priority to quality over quantity, organization over effort and awareness over force is an innovative idea. It is a revolution and is destined to succeed in the long term. This will help us to achieve better results, more stable and in a shorter time.

It has sometimes happened that my students have improved in a single lesson or two. But then they went back to the gym, repeated the movements as they had done in the past, and went back to having their troubles. Some realised that the very way in which they were exercising was creating difficulties for them but still wanted to be ‘fit’ and to tackle the hard fitness routine.
The solution which I found to help my students was that of giving them some simple indications of how to tackle their habitual fitness practices. Basing my ideas on what they told me I helped them to modify a few small aspects of their work in such a way that the exercises became an opportunity to be more sensitive and to learn. Each piece of advice addressed a particular issue for the individual student. When I teach I am busy with objective questions of posture and movement seen in their entirety as manifestations and causes of subjective states of sensitivity, perception, emotion and thinking. It is an educational process which can be undertaken as a preventative practice, before any problems have the chance to develop, or as a way of regaining one’s own well-being if necessary but also as a tool for developing high performances of all types. Somatic innovations are a key element in helping people to be healthy and productive.

But this contribution of mine is confined to my own professional activity. Is it possible to create the space for these ideas and principles to have a broader impact? Is a fitness practice taking account of the innovations of the Bones For Life programme possible?
In this part of the article I put forward a hypothesis – perhaps a rather visionary one – of what lessons of movement of all kinds might become if they absorbed the new acquisitions into their centres.
It is recognised that all movement activities deal with the whole human being and can also create changes in the psychomotor, cognitive and emotional spheres. The somatic processes of Bones For Life offer powerful specific tools which directly link the psychomotor work to cognitive/emotional aspects. Such a complete movement activity could be useful in many areas and principally in the development of high performance, in education in well-being and taking care of oneself, not to mention preventive health care, and as additional services in the areas of medical therapy and mental health.

Also motor activity in schools of all types and levels would have a different impact, not just on the regular sporting activities, but by improving students’ capacity for mental and motor control it would help them to learn better in other disciplines too.
Notable opportunities could develop in the world of business and industry, not to mention that of the general public, both in terms of education for health and well-being, and also of support for high performance.
Bones For Life could bring about a fundamental innovation in the fitness of the 21st century, and its wide applications could have a very important role in contributing to the creation of a more healthy, peaceful, productive and essentially happy world.

Conclusion

My personal experience as well as my work with people of different ages, levels of health and ways of life makes me think that we all possess a ‘deep internal guidance-system’. Such a system can be described as a meta-skill which is at the base of all other skills and fundamental for the ability to improve and tackle every area of life. It is about the organism’s innate intelligence and the nervous system which is behind the movement itself. The intelligence to find solutions, to coordinate, to adapt and to know how to adapt oneself to find the best. The intelligence which guides a child’s development and growth in learning the most complex things for a human being for themselves: walking and talking.

Through its dynamic strategies and its awareness work Bones For Life emerges with elegance and effectiveness and sometimes with surprising speed to improve the quality of movement contacting this level of organic intelligence, entering directly into the nervous system’s innate capacity for self-renewal, for freeing itself of outdated unproductive ways and updating its habits. During the lessons we easily enter a mind-body state of internal organization which allows an individual to assimilate information and to express their own actions with maximum effectiveness.

Having myself tried out a wide variety of approaches both in the realms of movement and of awareness, I believe that the Feldenkrais Method, and the Bones For Life programme which represents a fascinating development of it, are among the most effective systems of facilitating rapid improvements both in fitness and in the development of an internal organisation capable of sustaining high performances. Inevitably, sensitivity and innate intelligence always win. The nervous system, by its very nature, will know how to choose the best way of carrying out an action when all the various options are clear. The individual understands how the intention leads to the action with a spontaneous precision which was not there before.

The Bones For Life programme, in my teaching experience, has helped people of various kinds to tackle motor problems and pains and to improve mental skills as well as tackling life with renewed and more positive ways of thinking. All this has spontaneously come out of the very process of learning. While the work, carried out following the principles of the Weber-Fechner law, can seem aimed at ‘fixing’ a painful neck or some kind of back problem, in reality it leads directly to the heart of life: the secret of effective action. In practising it we live the experience of a human version of that type of fitness which we have seen in a lion or a panther – in shape, to live life to the full – whatever may be the challenges of their daily life. And that, in fact, is fitness.


NOTES

[1] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, page 1.

[2] Cit. Dennis Leri, The Weber-Fechner Principles, 1997, which may be seen on Dennis Leri’s website at http://www.semiophysics.com/SemioPhysics_Articles_mental_10
Dennis Leri also specifies that ‘The law asserts that equal increments of sensation are associated with equal increments of the logarithm of the stimulus, or that the just noticeable difference in any sensation results from a change in the stimulus which bears a constant ratio to the value of the stimulus.’

[3] The historical and cultural context from where Weber and Fechner’s ideas have emerged that led to the development of their law can be seen in the same article written by D. Leri.
‘The Fechner Weber principle marked the beginning of the science of psychophysiology and yet all its implications have not been played out in that field. (…) Weber was a professor at the University of Leipzig from 1818 until 1871. He is known chiefly for his work on sensory response to weight, temperature, and pressure; he described a number of his experiments in this area in ‘De Tactu’ (1834; “Concerning Touch”). Weber determined that there was a threshold of sensation that must be passed before an increase in the intensity of any stimulus could be detected; the amount of increase necessary to create sensation was the just-noticeable difference. He further observed that the difference was a ratio of the total intensity of sensation, rather than an absolute figure; thus, a greater weight must be added to a 100-pound load than to a 10-pound load for a man carrying the load to notice the change. Similar observations were made on other senses, including sight and hearing. Weber also described a terminal threshold for all senses, the maximum stimulus beyond which no further sensation could be registered. Weber’s findings were elaborated in ‘Der Tastsinn und das Gemeingefühl’ (1851; “The Sense of Touch and the Common Sensibility”), which was considered to be “the foundation stone of experimental psychology.” (…) Gustav Theodor Fechner (1801-1887) was a German physicist and philosopher and a key figure in the founding of psychophysics, the science concerned with quantitative relations between sensations and the stimuli producing them. (…) Between 1851 and 1860, Fechner worked out the rationale for measuring sensation indirectly in terms of the unit of just noticeable difference between two sensations, developed his three basic psychophysical methods (just noticeable differences, right and wrong cases, and average error) and carried out the classical experiments on tactual and visual distance, visual brightness, and lifted weights that formed a large part of the first of the two volumes of the Elemente der Psychophysik. Fechner’s aim in the Elemente was to establish an exact science of the functional relationship between physical and mental phenomena. Distinguishing between inner (the relation between sensation and nerve excitation) and outer (the relation between sensation and physical stimulation) psychophysics, Fechner formulated his famous principle that the intensity of a sensation increases as the log of the stimulus (S = k log R) to characterize outer psychophysical relations. In doing so, he believed that he had arrived at a way of demonstrating a fundamental philosophical truth: mind and matter are simply different ways of conceiving of one and the same reality. While the philosophical message of the Elemente was largely ignored, its methodological and empirical contributions were not. Fechner may have set out to counter materialist metaphysics; but he was a well-trained, systematic experimentalist and a competent mathematician and the impact of his work on scientists was scientific rather than metaphysical. He combined methodological innovation in measurement with careful experimentation. (…) Later research has shown, however, that Fechner’s equation is applicable within the mid range of stimulus intensity and then holds only approximately true. (…) So, now we are able to place the Fechner Weber Principle in its proper historical context.’
Dennis Leri, op.cit.

[4] Michael Merzenich, Soft-wired – How the New Science of Brain Plasticity Can Change Your Life, Parnassus Publishing, LLC, San Francisco, 2013

[5] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, page 9.

[6] Hans Selye, The stress of life. New York: McGraw-Hill, 1956.

[7] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, page 9.

[8] Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, pages 41-42.

[9] Somatic education is a field of education concerned with the human being in its entirety, studying in a practical way the interaction between posture, emotion, thinking, self-image and cultural values. This term was first introduced by Thomas Hanna who was a student of Moshe Feldenkrais. See Thomas Hanna, Somatics, Da Capo Press, Perseus Books Group, Cambridge, 1988.

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.progettofeldenkrais.it

Annunci

Verso il Fitness del Nuovo Millennio: il Contributo Sociale del Programma Bones For Life

english version

Questo articolo è stato scritto da Daniela Agazzi in occasione della sua partecipazione al Movement Intelligence Senior Trainers Training con Ruthy Alon in Israele nel maggio 2014. La traduzione inglese è pubblicata anche sul sito di Ruthy Alon http://www.movementintelligence.com.


Le strategie del programma che trae le proprie origini dal Metodo Feldenkrais, partendo dalla legge di Weber e Fechner fino agli originali principi di uso della pressione e di uso del carico di peso nel programma Bones For Life verso un nuovo approccio al fitness che contribuisce allo sviluppo dell’essere umano civilizzato.

di Daniela Agazzi

Le origini del programma Bones For Life dai principi del Metodo Feldenkrais

Daniela Agazzi  diventa Senior Trainer di Movement Intelligence direttamente con Ruthy Alon - Israele maggio 2014

Daniela Agazzi diventa Senior Trainer di Movement Intelligence direttamente con Ruthy Alon – Israele maggio 2014

‘Più la tecnologia progredisce ed avanza, più sembra miseramente regredire la forma fisica dell’uomo civilizzato. La qualità della coordinazione del movimento individuale rimane indietro rispetto alla capacità di inventiva della mente umana di fornire soluzioni ai bisogni della vita. Andando avanti con l’età, le persone tendono a perdere la facilità nel movimento così come l’intelligenza originaria che può guidarli verso un più gratificante uso del proprio corpo. Con una camminata compiuta con difficoltà, una postura distorta, il volto che esprime sofferenza, l’uomo civilizzato tende verso una condizione che non gli avrebbe consentito la sopravvivenza in una realtà naturale pre-culturale.

Se l’uomo preistorico non fosse stato in grado di camminare bene, e anche di correre, non sarebbe sopravvissuto e noi non avremmo potuto essere qui oggi. Nel linguaggio dell’evoluzione l’abilità nel movimento equivale alla sopravvivenza. Fortunatamente la civilizzazione ci sta consentendo di esistere con degli standards più bassi ma, con l’accettazione di una meno soddisfacente mobilità, noi perdiamo anche la gioia dell’esistenza che è insita nel muoversi liberamente.
Coloro che intenzionalmente si prendono la responsabilità della propria ecologia personale e desiderano investire nel recupero della propria qualità del movimento possono trovare vari metodi disponibili per la costruzione della propria forma fisica ma la maggior parte di questi metodi possono essere impropriamente esagerati o non rispondere al bisogno basilare per il movimento naturale che è al servizio della vita.’ [1]

In che cosa il programma Bones For Life si propone di essere diverso e innovativo? Quali sono le strategie con le quali si pone l’obiettivo di aggiornare il fitness degli esseri umani?

Il programma Bones For Life, creato da Ruthy Alon, trae le sue origini dai principi del Metodo Feldenkrais. Ruthy Alon è infatti una Senior Trainer del Metodo Feldenkrais, ha avuto contatto diretto con il genio Moshe Feldenkrais per circa 40 anni e ha divulgato e divulga tuttora il Metodo da lui creato in molti paesi del mondo. Il suo contributo non poteva non tenere conto di questa lunga esperienza vissuta.

La legge di Weber-Fechner

Moshe Feldenkrais, il fondatore del metodo omonimo, in questo suo innovativo approccio si è appoggiato alla legge di Weber e Fechner. Si tratta di una approssimativa legge psicologica splendidamente descritta ed inserita nel suo contesto storico-culturale in un articolo del 1997 del Trainer del Metodo Feldenkrais Dennis Leri. Questa legge

‘mette in relazione il grado di risposta o sensazione di un organo di senso e l’intensità dello stimolo.’ [2]

In pratica, che cosa accade nella nostra vita di tutti i giorni? Se vi trovate a mezzogiorno su una spiaggia assolata e accendete una candela potreste percepire la differenza nella quantità di luce? Se siete in un luogo estremamente silenzioso, come in campagna, lontani dalla città, potreste percepire l’arrivo di un’auto dal rumore che si sta avvicinando ma se vi trovaste in un centro cittadino caotico e nel pieno di un ingorgo di automobili cambia qualcosa se arriva un’auto in più? La legge di Weber e Fechner ci dice che non sempre potremmo percepire lo stimolo uditivo dell’arrivo di una automobile ma che questa capacità del sistema nervoso dipende dal contesto dello stimolo sullo sfondo.

Con il suo Metodo il dottor Moshe Feldenkrais ci ha dimostrato che per favorire l’apprendimento del sistema nervoso è necessario ridurre lo sforzo (e ovviamente il tono muscolare di base) e che ciò permette di sviluppare la propria sensibilità motoria che sarà al servizio dell’apprendimento. La legge di Weber e Fechner gli ha permesso di affermare ciò che aveva intuito con l’esperienza. In altre parole, maggiore è il rumore di fondo meno siamo in grado di udire piccoli e sottili stimoli. E’ un fenomeno fisiologico che viene ritenuto valido per quasi tutti i nostri sensi. Ed quindi è ragionevole supporre che più si riduce lo sforzo muscolare o rumore di fondo in una azione maggiore sarà la nostra capacità di sentire e percepire quello che stiamo facendo. Se ne deduce che l’intenzionale riduzione dello sforzo sarà significativa per la abilità di imparare modalità di azioni migliori.

Ernst Heinrich Weber, anatomista e fisiologo tedesco (1795-1878), ha introdotto per primo il concetto di ‘minima differenza percepibile’ cioè la più piccola differenza percepibile tra due stimoli simili. Le osservazioni empiriche di Weber furono poi espresse in formula matematica da Gustav Theodor Fechner, che nominò la sua formulazione la Legge di Weber. [3]

Il principio Weber-Fechner ci consente di mettere in relazione quantità e qualità nel movimento. Il Metodo Feldenkrais ci insegna a ridurre la stimolazione di fondo e ci permette di imparare a rilevare le minime differenze percepibili a soglie inferiori dell’abituale. Imparare col minimo sforzo è già una soddisfazione di per sé, visto che il movimento diventa particolarmente facile e piacevole, ma si rivela solo una strategia che consente il vero apprendimento, il più profondo, quello che rinnova tutta la nostra organizzazione neuromotoria delle azioni quotidiane. Il Metodo Feldenkrais ci pone nuovamente di fronte al momento in cui sono state costruite, sulla base delle esperienze della vita, le nostre abitudini dinamiche. E alla luce delle recenti scoperte, avvenute grazie agli studi nelle neuroscienze, sappiamo ormai quanto la nostra esperienza, basandosi sulle percezioni sensoriali e motorie, sia plastica e suscettibile di grandi potenzialità. [4]

Le attività motorie-sensoriali della specie umana si sono costruite in miliardi di anni di evoluzione. I processi evolutivi sono la base delle abitudini della nostra specie. A livello filogenetico essi portano in eredità un sapere che si è perfezionato e raffinato e che, nel tempo, ha permesso la sopravvivenza della specie mentre a livello ontogenetico incarnano nella nostra storia personale le contingenze della nostra vita di singoli individui e del gruppo culturale di appartenenza.
Quello che consente l’apprendimento è la capacità di percepire le differenze, la sensibilità che permette di riconoscere quello che stiamo facendo e di dargli un significato in relazione ad un contesto di sfondo. Se non ci sono differenze non c’è significato e non ci sarà apprendimento. Di fatto il nostro sistema nervoso è più abile nel percepire lo scarto tra due stimoli messi a confronto – percezione relativa – piuttosto che uno stimolo preso a sé – percezione assoluta.

Per mezzo della sua struttura particolare una lezione Feldenkrais evoca le dinamiche arcaiche filogenetiche dell’apprendimento organico e unendo una intelligente rielaborazione delle competenze ontogenetiche ci permette di fare di più, e meglio, con meno sforzo.
Un concetto che non è certo frequente nel mondo dell’educazione motoria. Le competenze specifiche della specie vengono sempre più spesso dimenticate e lasciate indietro nel nostro repertorio di movimento umano, persi, come siamo, ad inseguire l’idea della potenza anche a scapito dell’armonia. E non ci rendiamo conto che questo modo di comportarci ci allontana dalla capacità organica e protettrice di percepire il corpo e la qualità delle nostre azioni.

La lezione Feldenkrais ci fa percepire di nuovo queste conoscenze antichissime e avviene come una sorta di riscoperta di una modalità di azione, di pensiero e di essere sé stessi che ci permette di imparare per tutta la vita aspetti sempre più sottili, raffinati e sani di fare esperienza di noi stessi nel mondo. Coltiviamo la percezione delle piccole differenze. Andiamo a spostare la soglia oltre la quale possiamo individuare le differenze appena percepibili. A proposito della percezione del peso infatti – che a livello propriocettivo costituisce un elemento particolarmente determinante – secondo la legge di Weber-Fechner possiamo percepire la differenza di circa 1/20 di ciò che già stiamo portando. Naturalmente ci sono variazioni tra persona e persona. Ci sono variazioni anche per diversi altri fattori, ma l’approssimazione più semplice dell’abilità umana di percepire le differenze nel peso è che possiamo sentire da 1/20 a 1/40 di differenza, se siamo particolarmente sensibili.

Si possono trarre nuove distinzioni e acquisizioni grazie ad operazioni senso-motorie di recente e più raffinata differenziazione. La nostra attenzione viene incuriosita da inconsuete differenze. E i confini sotto i quali non percepiamo nulla e sopra i quali percepiamo qualcosa saranno finalmente mutati. Si possono quindi formare nuove abitudini. Il Principio Weber-Fechner mostra le abitudini percettive che la nostra specie usa per vivere nel mondo. I vari punti di confine tra lo stimolo di fondo e lo stimolo della percezione emergente sono stabiliti da noi in quanto abitudini apprese. Di conseguenza, usando le competenze specifiche della nostra specie, possiamo riorganizzare queste abitudini e facilitare l’apprendimento che è, appunto, un creare abitudini.

Le implicazioni operative della Legge di Weber e Fechner ci mostrano che esiste un loop di feedback tra sforzo e sensibilità. Se il muscolo è impegnato sotto un lavoro di grande carico ci sarà meno discernimento percettivo quindi non si potranno percepire le piccole differenze relative alla qualità del movimento. E questo condizionerà l’organizzazione del movimento dell’individuo. Ogni essere umano ha nella sua organizzazione un certo livello di tono muscolare di base e in qualunque azione, movimento o attività funzionale che compie ci sarà un certo ammontare di sforzo coinvolto. E la persona può normalmente percepire la differenza di qualità tra una modalità di azione o un’altra. Ma se il contesto di base è un tono muscolare affaticato o sovraccarico da sforzo o tensione allora avrò meno sensibilità per discernere tra una modalità di azione ed un’altra. Meno efficiente sarà il movimento di base meno avrò la possibilità di discernere sulla sua qualità. Quindi l’effetto sarà che l’abilità di discernere diminuisce sempre più e lo sforzo sale creando così un circolo vizioso peggiorativo. Per il processo naturale di omeostasi dell’organismo si tenderà a creare un nuovo equilibrio di base di qualità via via inferiore.

Ma il Metodo Feldenkrais ci permette di instaurare un circolo virtuoso. Se possiamo trovare il modo di diminuire lo sforzo in modo da essere capaci di percepire le più piccole differenze si potrà creare lo spazio per la libertà di scelta tra diverse modalità di azione. I muscoli divengono più liberi di funzionare in modo migliore se liberati dal sovraccarico e, coincidenza molto felice, il sistema nervoso è più libero per imparare.

L’innovazione del programma Bones For Life

Questo è il contesto teorico di base sul quale il programma Bones For Life prende vita e forma, grazie a Ruthy Alon, a partire dal 1998. Lei stessa descrive chiaramente il suo proposito.

‘Dovevo trovare un modo di usare i principi dell’apprendimento spontaneo dell’organismo derivati dal Metodo Feldenkrais per applicarli in un contesto totalmente diverso. La sfida era: come orientare il movimento ritmico con passi potenti che sarebbero entrati in risonanza con l’intero scheletro senza perdere l’esplorazione interna che portava alla qualità? Come rimanere fedeli all’armonia che può produrre una trasformazione interiore e auto-correttiva, mentre si affronta un compito dinamico e di sfida? Come attivare un movimento intenso ad un ritmo specifico senza cadere nella trappola dell’ambizione e dello sforzo eccessivo, sacrificando sé stessi e negandosi le sottigliezze che possono portare alla correzione?’ [5]

Si trattava quindi di trovare una modalità per sviluppare un equilibrio tra forza e sensibilità utilizzando il linguaggio che la natura ci

Ruthy Alon mentre insegna in Israele - maggio 2014

Ruthy Alon mentre insegna in Israele – maggio 2014

ha destinato al fine di migliorare l’esecuzione delle attività dinamiche.
La sensibilità ha a che fare con la morbidezza, la consapevolezza, l’adattabilità, la mobilità, la fluidità. La sensibilità riguarda l’essere pronti a ricevere e a percepire. Quando siamo fisicamente o emotivamente tesi e corazzati diviene più difficile percepire sé stessi, muoversi liberamente per compiere qualsiasi azione, comunicare con facilità con gli altri. La sensibilità è quindi il fondamento per una azione appropriata ed efficace.

La forza ha a che fare con la solidità, il peso, il prendere decisioni, la determinazione e la stabilità, nonché con quelle qualità di organizzazione corporea e mentale come il radicamento, la risolutezza e la tenacia. Coinvolge gli elementi della potenza e del controllo. Senza forza non siamo in grado di agire con efficacia.
La forza e la sensibilità sono intimamente connesse. La forza che non è bilanciata dalla sensibilità sarà dura, tesa e incontrollata e la sensibilità non bilanciata dalla forza sarà debole ed inefficace. L’equilibrio e l’integrazione tra forza e sensibilità permette un’azione armoniosa, comoda ed efficace. Usare questa forma di organizzazione corporea produce inoltre uno stato emotivo di stabilità interiore e forza di volontà, e questa sensazione di forza interna è cruciale per sviluppare l’abilità di affrontare qualsiasi sfida personale.

Infatti una persona veramente ‘in forma’ è un individuo che può rispondere in maniera creativa alle richieste in continuo mutamento della vita. Come la ricerca molto importante sullo stress di Hans Selye [6] ci ha rivelato, le persone che fanno esperienza di troppi cambiamenti in un tempo troppo breve spesso si ammalano. In questo mondo frenetico il vivere in modo efficace richiede generalmente l’abilità di prendere decisioni rapide, interagire efficacemente con diversi tipi di persone, assimilare vaste quantità di informazioni e adattarsi ad impreviste alterazioni degli equilibri di ogni genere. Questo fitness di alta qualità esige una fluida integrazione di mente e corpo.

In questo ritrovato clima di equilibrio tra forza e sensibilità si potranno affrontare quei compiti dinamici che se svolti in un contesto il più simile possibile a quello della realtà quotidiana, e soprattutto se svolti in dose minima e in atmosfera protetta, innescheranno un processo positivo di riorganizzazione a livello neuromotorio che creerà un potenziamento della struttura intera dell’organismo e la persona svilupperà una immagine di sé potente, equilibrata ed efficace.

‘Ricordo che Feldenkrais iniziò la sua ricerca di esplorazione sul movimento efficiente quando praticava il judo, che è un superbo test per le abilità di movimento, con precisione di tecnica, intessuto di improvvisazione e di intraprendenza mentre si ha a che fare con un partner che è imprevedibile e si agisce nella realtà del piano verticale e in tempo reale. Questo mi ha dato l’incoraggiamento per osare di guidare un processo di scoperta interiore orientato all’auto-miglioramento, senza le condizioni di serra del giacere al pavimento ma in una postura verticale, autentica alla vita e in una posizione in cui la persona è coinvolta nell’essere responsabile della propria postura e del proprio equilibrio. Dovevo creare un sostituto per l’atmosfera di apprendimento completamente confortevole del Feldenkrais che fosse più dinamica e più di sfida ma che comunque avrebbe ridotto il livello di disturbo al minimo per poter percepire le sottigliezze che compongono l’armonia della auto-mobilizzazione’. [7]

E col programma Bones For Life possiamo fare proprio questo. Bones For Life comunica al nostro sistema nervoso il linguaggio della forza. Camminare, correre, saltare e tutte le attività energiche della vita vengono ricostruite dall’interno e possono essere eseguite con sempre maggiore facilità e successo da chiunque. Le strategie applicate sono però derivate dal Metodo Feldenkrais. Con Bones For Life il laboratorio della coordinazione e dell’apprendimento del sistema nervoso si completa con l’introduzione dell’uso della forza nei modelli di movimento dinamico. Ed è proprio questa la sua novità.

Sollevare i pesi: il potenziamento saggio

Il processo numero 47 del programma Bones For Life dal titolo Sollevare i Pesi, definito anche ‘potenziamento saggio’, costituisce un esempio eclatante di come un singolo principio dietro ad una specifica strategia – adottata in questo caso per ottenere il potenziamento del corpo – possa essere applicato in molti altri modi per sviluppare gli infiniti usi possibili del programma.

Il programma Bones For Life, il cui sviluppo era stato stimolato dalla ricerca del buon movimento per il rafforzamento del tessuto osseo, si è rivelato assai di più ampia applicazione. E infatti le strategie per il buon movimento possono infatti portare al rafforzamento e al potenziamento dell’intera struttura corporea, non certo solo del tessuto osseo che rimane comunque un effetto ‘bonus’ del lavoro.
Nelle parole di Ruthy Alon

‘Il fattore significativo più evidente per influenzare la forza delle ossa è il sollevamento dei pesi. Il programma Bones For Life affronta questa attività in un modo molto diverso dal modello convenzionale, quello in cui i pesi vengono sollevati in una palestra. Con l’impegno prima di tutto verso la sicurezza della persona i pesi vengono sollevati solo quando la schiena è sostenuta da un muro, con una protezione extra per la zona lombare, in modo da limitare il ribaltamento del bacino e prevenire lo sforzo eccessivo di sollevare il peso a carico delle vertebre lombari. La traiettoria del braccio che solleva il peso disegna una configurazione a spirale mentre si avvita attorno al proprio asse. In questo modo esso coinvolge gradualmente una vertebra dopo l’altra, con una collaborazione proporzionata dell’intera schiena, senza minacciare alcun punto specifico. Sollevare i pesi in questo modo sicuro farà guadagnare un progressivo rafforzamento delle ossa con una sensazione positiva di auto-potenziamento.’ [8]

In questo processo Sollevare i pesi infatti vengono solitamente usati classici pesetti da palestra di circa 500 grammi. Il lavoro principale è soprattutto quello dell’apprendimento del sistema nervoso. La posizione in cui si compie il movimento è in piedi e appoggiati al muro con una particolare strategia di protezione che impedisce alla zona lombare – tipicamente a rischio nelle azioni di sollevamento pesi – di agire con una coordinazione inadatta al contesto.

Si sollevano i pesetti con le mani. Si possono usare anche carichi inferiori ai 500 grammi, per esempio usando piccoli oggetti facilmente gestibili con una sola mano fino ad arrivare addirittura a pesi simbolici come palline di carta o realizzate con calzini arrotolati. Secondo lo stato fisico dell’allievo potremmo usare qualsiasi peso che non interferisca con il clima di sicurezza e protezione in cui egli va a lavorare. Così facendo permettiamo al sistema nervoso di apprendere la coordinazione corretta e di creare comunque fin dall’inizio una associazione neurologica di questo modello di movimento con un peso extra-corporeo, seppur leggerissimo.

Ma successivamente potremmo voler usare anche la strategia contraria. Potremmo procedere per piccoli incrementi di carico, talmente lievi, da non venire percepiti come un aumento del peso da sostenere da parte dell’allievo. Utilizziamo la legge di Weber-Fechner al contrario, rimanendo al di sotto della soglia della minima differenza di peso percepibile. Con questo sistema possiamo portare gradualmente e in sicurezza un allievo a sollevare anche carichi pesanti mantenendo e facilitando sempre più l’acquisizione della buona coordinazione con la connessione neurologica al movimento prescelto.
Visto che secondo la legge di Weber e Fechner gli esseri umani che tengono in mano un peso da 10 kg sono in grado di riconoscere una differenza di peso da 1 a 20 a 1 a 40 cioè 500 oppure 250 grammi, potremmo in quel caso aumentare il peso approssimativamente di 150 grammi e non sarebbe riconoscibile alla percezione dell’allievo. Quindi il clima emotivo interno dell’allievo non sarebbe disturbato da pensieri di eventuali fallimenti o da richieste di sforzo eccessivo che evocherebbero modelli motori abituali controproducenti. La coordinazione motoria appresa sarebbe rinforzata e a livello neurologico si potrebbe più marcatamente incidere nel tessuto nervoso della persona. E oltre a questo tutte le altre componenti del movimento – i muscoli – avrebbero un minimale aumento del carico di lavoro che sarebbe registrato e sviluppato. Un modello ‘win-win’, sotto tutti gli aspetti. E non dobbiamo immaginare che per ottenere un potenziamento sia necessario chissà quanto tempo – ore e mesi di ripetizioni di attività che richiedono poco sforzo muscolare. Le neuroscienze ci rassicurano che il sistema nervoso può imparare anche in modo relativamente rapido, soprattutto se non si attivano i meccanismi di stress, e potrà dare così i segnali necessari all’organismo perché vada a rafforzare la muscolatura e tutte le strutture connesse al movimento.

Ci sono anche altri processi nel programma in cui viene utilizzata questa strategia di carico minimo e progressivo. Forse il più evidente è la ‘corona’ sulla testa che offre la possibilità di aggiungere gradualmente dei pesi da portare. Si tratta infatti del processo numero 20 La camminata delle portatrici di acqua dove si usa il tipico telo di Bones For Life arrotolato a mo’ di ciambella-corona da indossare sulla testa. La presenza stessa del telo costituisce un carico di peso extra corporeo che va a stimolare un riflesso di allungamento verso l’alto dell’intera colonna per poter essere sostenuto. Il processo stesso prende spunto dalla tradizione delle donne dell’Africa e dei paesi asiatici di portare significativi pesi sulla testa garantendosi una postura e una camminata elastica ed efficace per lunghi percorsi. Possiamo gradualmente inserire piccoli oggetti nella ciambella-corona e aumentare gradualmente il carico abituando l’organismo ad un movimento elastico ed elegante.

Partendo da questi esempi e dalla teoria che abbiamo visto in precedenza ci rendiamo conto che abbiamo fra le mani gli strumenti semplici e potenti per poter ridisegnare la natura stessa di un programma di fitness e che questa capacità può rivelarsi propedeutica a qualsiasi tipo di attività sportiva dal livello amatoriale a quello professionistico. In una prima fase la legge di Weber-Fechner può essere usata per sviluppare la sensibilità che sarà l’ambiente in cui può migliorare la coordinazione e poi, usando gli stessi criteri in senso inverso, si potrà lavorare verso il potenziamento di tutta la struttura corporea.

Per una ipotesi di diffusione: un possibile contributo sociale

Grazie alla mia esperienza di movimento e di educazione somatica [9]  ho potuto riflettere spesso su quali potessero essere le modalità migliori per inserire in ogni genere di lezione di movimento le significative innovazioni educative che derivano dall’evoluzione della ricerca nel campo dell’educazione somatica e in particolare dal programma Bones For Life.
Questa integrazione amplierebbe il concetto dell’educazione fisica ben oltre gli attuali confini e prospettive delle attività sportive e del fitness. L’importanza del prendersi cura del corpo e del raffinare il movimento si estenderebbe inevitabilmente in contesti e in ambienti ben più ampi di quelli attuali e gli insegnanti di movimento diventerebbero esperti da consultare coinvolti in una vasta gamma di attività.

L’educazione fisica in senso lato è lo studio di ciò che è essere vivi nel corpo umano. E’ uno studio fortemente pratico di ciò che significa e permette di vivere bene. Inoltre tutti gli importanti temi umani possono essere affrontati coinvolgendo la loro componente somatica. Anzi, voglio spingermi a dire, che non possono essere affrontati con la massima efficacia senza prestare una certa attenzione alla loro componente somatica.
La fondamentale intuizione sulla connessione neurologica fra sensibilità, consapevolezza, azione e sviluppo dell’abilità che rende efficace Bones For Life. Così come altrettanto lo è la capacità di riconoscere e fare tesoro di quanto le esigenze innate – come la necessità da parte dell’organismo di sostenere in modo sano e potenziante il proprio peso, la necessità stessa di rafforzarsi e mettersi in condizione di poter compiere le attività di ogni giorno o le attività di alta performance – possano richiamare la risposta spontanea dell’organismo.

Il percorso educativo deve necessariamente prendere in considerazione per prima quella consapevolezza del proprio corpo e della propria azione che poi si rivelerà cruciale per una rieducazione e per un fitness di qualità. Spesso le persone fanno esercizio mentre guardano la tv, parlano al telefono o ascoltano musica con l’idea che non si possa essere in forma senza fare grandi sforzi. Privilegiare la qualità sulla quantità, l’organizzazione sullo sforzo e la consapevolezza sulla forza è un’idea innovativa, rivoluzionaria ed è destinata ad avere successo nel lungo termine. Questo permetterà di raggiungere risultati migliori, più stabili e in un tempo più breve.
È successo a volte che i miei studenti siano migliorati in una sola, o due, lezioni. Poi però tornavano in palestra, ripetevano i movimenti come li facevano in passato, e tornavano ad avere i loro dolori. Alcuni si rendevano conto che il modo stesso in cui si esercitavano gli creava difficoltà ma volevano comunque essere ‘in forma’ e affrontare le routine di fitness duro.

La soluzione che ho trovato per aiutarli è stata quella di dare loro alcune indicazioni semplici per affrontare meglio le loro pratiche abituali di fitness. Basandomi su ciò che mi raccontavano li ho aiutati a modificare alcuni piccoli aspetti del loro lavoro facendo in modo che gli esercizi diventassero una opportunità per essere più sensibili e per imparare. Ogni consiglio era indirizzato al tema specifico per il singolo studente. Quando insegno mi occupo di realistiche questioni di postura e movimento che osservo, nella loro globalità, come riflesso e causa del loro stato di consapevolezza, percezione, emozione e pensiero. È un processo educativo che può essere intrapreso come pratica preventiva, prima che qualche problema abbia l’opportunità di svilupparsi, come un modo per riconquistare il proprio benessere o anche come strumento di raffinamento delle alte prestazioni di qualsiasi tipo. Le innovazioni somatiche sono un elemento chiave per aiutare le persone ad essere sane e produttive.

Questo mio contributo è confinato nella mia personale attività professionale di studio e mi chiedo sempre più se sia possibile creare lo spazio per un impatto e una espansione maggiori di queste idee e principi e sviluppare quindi una nuova cultura del fitness che tenga conto delle innovazioni del programma Bones For Life.
In questa parte dell’articolo faccio una ipotesi – magari un po’ visionaria – di come potrebbero diventare le lezioni di movimento di ogni genere se inglobassero nel loro nucleo centrale le nuove acquisizioni.
É riconosciuto che tutte le attività di movimento si occupano dell’intero essere umano e possono facilitare cambiamenti anche negli ambiti psicomotori, cognitivi ed affettivi. Le modalità somatiche di Bones For Life costituiscono potenti e specifici strumenti che collegano in modo particolarmente profondo il lavoro psicomotorio agli aspetti cognitivi-affettivi.
Una attività di movimento più completa e integrata degli strumenti di Bones For Life potrebbe essere utile in molte aree dal potenziamento delle alte prestazioni, all’educazione al benessere e alla cura di sé, nonché alla prevenzione, e in qualità di servizi aggiuntivi nelle aree della terapia medica e della salute mentale.

L’attività motoria nelle scuole di ogni ordine e grado ne trarrebbe grande giovamento, non solo nella regolare attività sportiva, ma aiuterebbe gli studenti ad imparare meglio anche le altre discipline avendo favorito le loro capacità di controllo mentale e motorio.
Non da ultimo potrebbero svilupparsi notevoli nuove opportunità nel mondo del business e dell’industria e anche in generale per il pubblico, sia in termini di educazione al benessere, di prevenzione nonché di sostegno per alte prestazioni.
Bones For Life porta una innovazione fondamentale nel fitness del 21° secolo, e le sue ampie applicazioni possono avere un ruolo molto importante nel contribuire a creare un mondo più sano, più pacifico, più produttivo e in sostanza più felice.

Conclusione

La mia esperienza personale nonché di lavoro con persone di diverse età, livello di salute e percorsi di vita mi fa pensare che noi tutti possediamo un ‘sistema-guida interno e profondo’. Tale sistema può essere descritto come una meta-abilità che è alla base di ogni altra abilità e fondamentale per la capacità di migliorare e affrontare ogni area della vita. Si tratta di quell’intelligenza innata propria dell’organismo e del sistema nervoso che sta dietro al movimento stesso. L’intelligenza del trovare le soluzioni, del coordinare, dell’adattare e del sapersi adattare per trovare il meglio. L’intelligenza che guida lo sviluppo e la crescita del bambino nell’imparare da sé le cose più complesse per un essere umano: camminare e parlare.

Attraverso le sue strategie dinamiche e il suo lavoro di consapevolezza Bones For Life riesce con eleganza ed efficacia e talvolta con sorprendente rapidità a migliorare la qualità del movimento contattando questo livello di intelligenza organica, accedendo direttamente alle innate capacità del sistema nervoso di auto rinnovarsi, di liberarsi di schemi improduttivi e superati e di aggiornare le abitudini. Durante le lezioni entriamo facilmente in uno stato mente-corpo di organizzazione interna che permette ad un individuo di assimilare informazioni e di esternare le proprie azioni con la massima efficacia.

Avendo io stessa sperimentato una ampia varietà di approcci sia nei percorsi di movimento che di consapevolezza, ritengo che il Metodo Feldenkrais e il programma Bones For Life che ne rappresenta un interessantissimo sviluppo siano tra i più efficaci sistemi nel facilitare rapidi miglioramenti anche nel fitness e nello sviluppo di una organizzazione interna capace di sostenere alte prestazioni. Inevitabilmente, la consapevolezza e l’intelligenza innata vincono sempre. Il sistema nervoso, per sua stessa natura, saprà scegliere il modo migliore di compiere una azione quando tutte le varie opzioni sono chiare. L’individuo comprende come l’intenzione conduce all’azione con una precisione spontanea che prima non c’era.

Il programma Bones For Life, nella mia esperienza di insegnamento, ha aiutato le persone di vario genere ad affrontare dolori e problemi motori e a migliorare abilità mentali nonché ad affrontare la vita con modelli di pensiero rinnovati e più positivi. Tutto è emerso spontaneamente dallo stesso processo di apprendimento. Mentre il lavoro, svolto seguendo il principio della legge di Weber-Fechner, può sembrare rivolto ad ‘aggiustare’ un collo dolente o un mal di schiena qualsiasi, esso in realtà punta direttamente al cuore della vita: il segreto dell’azione efficace. Nel praticarlo viviamo l’esperienza di una versione umana di quel tipo di fitness che abbiamo visto in un leone o in una pantera – in forma, per vivere pienamente – qualsiasi siano le sfide della vita quotidiana. E questo, di fatto, è fitness.


NOTE

[1] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, traduzione italiana Daniela Agazzi, pag 1.

[2] Cit. Dennis Leri, The Weber-Fechner Principles, 1997, visionabile per intero sul sito di Dennis Leri all’indirizzo http://www.semiophysics.com/SemioPhysics_Articles_mental_10 , traduzione italiana Daniela Agazzi.
Dennis Leri specifica inoltre che ‘La legge afferma che uguali incrementi di sensazione sono associati ad uguali incrementi del logaritmo dello stimolo cioè che la minima differenza apprezzabile tra due sensazioni risulta da una variazione dello stimolo che segue una relazione costante con il valore dello stimolo stesso.’

[3] Dallo stesso articolo di D. Leri si può desumere anche il contesto storico-culturale nel quale sono emerse le idee che hanno portato allo sviluppo della Legge di Weber e Fechner.
‘Il principio Weber-Fechner ha segnato l’inizio della scienza della psicofisiologia e tuttora le sue molte implicazioni non sono ancora portate a termine in quel campo. (…) Weber fu professore all’Università di Lipsia dal 1818 al 1871. E’ conosciuto principalmente per il suo lavoro sulle risposte sensorie al peso, la temperatura e la pressione; ha descritto una varietà dei suoi esperimenti in questo campo nel ‘De Tactu’ (1834; “Concerning Touch”). Weber determinò che c’era un confine di sensazione che doveva essere superato prima che un aumento nell’intensità di un qualsiasi stimolo potesse essere percepito; l’ammontare dell’aumento necessario per creare sensazione era la minima differenza percepibile. Osservò inoltre che la differenza era una percentuale dell’intensità totale della sensazione, piuttosto che una cifra assoluta; così perché un uomo che porta un carico di 100 kg possa notare la differenza bisogna aggiungere un peso maggiore di 10 kg. Furono eseguite osservazioni simili su altri sensi, inclusi la vista e l’udito. Weber descrisse anche una soglia terminale per ciascun senso, lo stimolo estremo oltre il quale non venivano percepite ulteriori sensazioni. Le scoperte di Weber furono elaborate in ‘Der Tastsinn und das Gemeingefühl’ (1851; “The Sense of Touch and the Common Sensibility”), che fu considerata la prima pietra della psicologia sperimentale.(…) Gustav Theodor Fechner (1801-1887) fu un fisico e filosofo tedesco e una figura chiave nella fondazione della psicofisica, la scienza che studia le relazioni quantitative tra le sensazioni e gli stimoli che le producono. (…) Tra il 1851 e il 1860, Fechner aveva elaborato il principio per la misurazione indiretta della sensazione, in termini di unità di minima differenza percepibile tra due sensazioni, sviluppò i suoi tre metodi psicofisici fondamentali (le minime differenze percepibili, i casi giusto e sbagliato, e l’errore medio) e condotto gli esperimenti classici sulla distanza tattile e visiva, la luminosità visiva, e il sollevare i pesi che costituivano la maggior parte del primo dei due volumi dell’ ’Elemente der Psychophysik’. L’obiettivo di Fechner nell’ ‘Elemente’ era di stabilire una scienza esatta del rapporto funzionale tra fenomeni fisici e mentali. Nel distinguere tra la psicofisica interna (il rapporto tra sensazione e l’eccitazione del nervo) e quella esterna (il rapporto tra sensazione e la stimolazione fisica), Fechner formulò la sua famosa linea di principio che l’intensità di una sensazione aumenta in relazione al registro dello stimolo (S = k log R) per caratterizzare i rapporti psicofisici esterni. In tal modo, egli credeva di essere arrivato a un modo di dimostrare una verità filosofica fondamentale: mente e materia sono semplicemente modi diversi di concepire una stessa realtà. Mentre il messaggio filosofico dell’ ’Elemente’ è stato in gran parte ignorato, così non è stato per i suoi contributi metodologici ed empirici. Fechner può aver avuto l’intenzione di contrastare la metafisica materialista, ma lui era uno sperimentatore sistematico e ben addestrato nonché un matematico competente e l’impatto del suo lavoro sugli scienziati è stato scientifico piuttosto che metafisico. Ha combinato l’innovazione metodologica nella misurazione con un’attenta sperimentazione. (…) Ricerche successive hanno dimostrato, tuttavia, che l’equazione di Fechner è applicabile all’interno della gamma media di intensità dello stimolo e quindi è ritenuta solo approssimativamente vera. (…) Quindi ora siamo in grado di collocare il Principio Weber-Fechner nel suo contesto storico.’
Dennis Leri, op.cit.

[4] Michael Merzenich, Soft-wired – How the New Science of Brain Plasticity Can Change Your Life, Parnassus Publishing, LLC, San Francisco, 2013.

[5] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, traduzione italiana Daniela Agazzi, pag 9.

[6] Hans Selye,The stress of life. New York: McGraw-Hill, 1956.

[7] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, traduzione italiana Daniela Agazzi, pag 9.

[8] Cit. Ruthy Alon, Movement Intelligence – Abstract, traduzione italiana Daniela Agazzi, pagg 41-42.

[9] L’educazione somatica è un campo educativo e ha a che fare con l’essere umano nella sua globalità studiando in modo pratico l’interazione di postura, emozione, pensiero, immagine di sé e valori culturali. Questo termine è stato introdotto per la prima volta da Thomas Hanna che fu allievo di Moshe Feldenkrais. Vedi Thomas Hanna, Somatics, Da Capo Press, Perseus Books Group, Cambridge, 1988.

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.progettofeldenkrais.it

Moti Nativ e la Consapevolezza del Guerriero

Di Candia Garibay, insegnante di Bones For Life e organizzatrice del corso tenuto da Moti Nativ in Messico

Città del Messico, 21 maggio 2010

(traduzione italiana Daniela Agazzi)

In un fresco e luminoso mattino, davanti al panorama dell’enorme albero di fico che dimora nel giardino dell’Agora Lucis Studio, il Maestro Moti Nativ inizia il suo corso1 parlando della sinergia tra le arti marziali e il Metodo Feldenkrais, e di come il brillante metodo di Moshe ha avuto radici profonde nella sua competenza del combattimento legato alla sopravvivenza.

Moti2 ha condiviso la sua esperienza del Metodo Feldenkrais, le recenti tecniche di autodifesa come il Judo e il Krav Maga, così come la conoscenza delle antiche arti marziali giapponesi del Budo taijutsu e del Ninjutsu, in ognuna delle quali ha un rango di altissimo livello.

Il corso è iniziato nel modo più semplice, prendendo consapevolezza di come ci sentivamo in quel momento. Eravamo distesi al pavimento e ascoltavamo come le varie parti del corpo si riflettevano come in uno specchio nel contatto con la terra, ascoltando la nostra immagine di noi stessi attraverso il modo in cui lasciavamo cedere il peso del corpo alla gravità. Lentamente abbiamo cominciato a compiere piccoli movimenti ascoltando come il contatto col pavimento si spostava e la distribuzione del peso si modificava.

Moti ha insistito sul prendersi cura della spesso dimenticata qualità del movimento di ritorno verso lo stato di partenza.

Abbiamo portato la nostra attenzione sulla traiettoria del movimento seguendolo dal suo inizio per tutta la trasmissione lungo il corpo; Moti ha insistito sul prendersi cura della spesso dimenticata qualità del movimento di ritorno verso lo stato di partenza. Abbiamo iniziato a praticare alcuni movimenti differenziati come il far scivolare una scapola sopra le costole e lì ho scoperto che la mia clavicola rispondeva alla curvatura della gabbia toracica e successivamente abbiamo fatto movimenti non-differenziati nei quali la scapola assisteva la rotazione della spina3. Abbiamo esplorato la risonanza del movimento con il Sé, come far scivolare una spalla faceva eco in tutto il corpo fino alle dita dei piedi e come un movimento porta al successivo. Moshe ha chiamato questo tipo di esperienza corporea ATM (o CAM – Consapevolezza attraverso il Movimento)  che costituisce un concetto chiave del Metodo Feldenkrais, del quale secondo Moti l’aspetto più importante è ‘imparare ad imparare’.

Moti ha sottolineato l’importanza di andare verso luoghi sconosciuti, oltre le abitudini e verso nuove alternative così che dal processo di apprendimento consegua la libertà di movimento.

Le istruzioni di Moti erano molto chiare e precise,  tuttavia consentivano uno spazio piacevole per esplorare modi diversi per arrivare alla stessa conclusione. Moti ha sottolineato l’importanza di andare verso luoghi sconosciuti, oltre le abitudini e verso nuove alternative così che dal processo di apprendimento consegua la libertà di movimento.

Abbiamo fatto alcune pause tra ciascun movimento nella progressione della lezione, e queste pause sono incoraggiate ogni qualvolta se ne sente il bisogno. Tornavamo spesso semplicemente sdraiati ad ascoltare il contatto e il peso del corpo sul pavimento, andando a percepire il modo in cui respiravamo, portando attenzione e comparando le sensazione attuali con quelle dell’inizio della lezione di ATM. Era meraviglioso scoprire che ad ogni pausa che ci prendevamo, la sensazione del corpo era completamente diversa come l’ampiezza del petto, la facilità con cui la spalla si poggiava al pavimento, la lunghezza degli arti e l’attivazione del centro. L’interezza del nostro Sé cambia ad ogni momento.

Gradualmente il movimento nella ATM divenne più complesso, con cambiamenti di livello, da sdraiati a seduti e poi con rotazione, in un certo qual modo riassumendo la modalità spontanea in cui il bambino arriva a sedersi. A questo punto, la sfida era di mantenere la trasmissione del movimento fluida, ho scoperto che il mio movimento su un lato era molto naturale, quasi scontato, ma l’altro lato del movimento era bloccato e il mio respiro disturbato, e anche se piano piano ho eliminato alcune interferenze interiori e direzionato il movimento, ancora la diversità tra i due lati era notevole.

Moti spiega, come ha insegnato Yochanan Rywerant, che molte delle asimmetrie nel movimento sono dovute a diverse configurazioni del sistema nervoso centrale espresse attraverso modelli di attivazione neuromuscolare.

Moti spiega, come ha insegnato Yochanan Rywerant, che molte delle asimmetrie nel movimento sono dovute a diverse configurazioni del sistema nervoso centrale espresse attraverso modelli di attivazione neuromuscolare.  I modelli più significativi sono consci o deliberati, istintivi o ereditati, appresi o più o meno automaticamente eseguiti  e modelli condizionati o influenzati da malattie croniche o acute. Quando ci muoviamo con consapevolezza, noi induciamo le innervazioni le quali portano all’organizzazione efficiente del sé a migliorare l’abilità di interagire con l’ambiente.

Quando l’ATM arrivava alla conclusione, lentamente ci mettemmo in piedi e camminammo nella sala. Il senso di me stessa fu molto piacevole, sentivo la connessione delle mie mani fino alla schiena, sentivo il mio port de bras nascere dal centro, quando ho sperimentato alcune pirouettes ho scoperto un maggior equilibrio ed energia grazie all’iniziare spontaneamente il giro dalla retrazione della scapola. E’ incredibile come un così piccolo movimento possa portare ad un maggior spins con un minor sforzo. Secondo Moti, l’azione è l’inseparabile unione del corpo e della mente, composta da pensiero, sensazione, sentimento e movimento, elementi che possono essere finemente sintonizzati divenendo consapevoli di essi.

Poi abbiamo fatto la stessa ATM insieme ad un compagno e abbiamo simulato di strozzarci a vicenda. Il mio compagno era una persona alta e in sovrappeso, che non avrei mai pensato di essere in grado di spostare nemmeno di un millimetro, e come prova di questo io infatti non riuscii al  primo tentativo a squilibrarlo, ma poi abbastanza sorprendentemente il mio corpo ricordava quello che avevamo praticato e fu molto facile spostare il mio oppositore5. In qualche modo avevo imparato a sentire il peso del corpo dell’altro in modo da poter dirigere il suo movimento dal mio centro. Con questa esperienza possiamo confermare quello che diceva Moshe ‘se fai pratica del movimento naturale costruito all’interno della tecnica l’apprendimento è più veloce’.

Come afferma Moti, tutte le lezioni di ATM sui movimenti evolutivi del bambino hanno a che fare con i movimenti usati nella formazione delle arti marziali.

Come afferma Moti, tutte le lezioni di ATM sui movimenti evolutivi del bambino hanno a che fare con i movimenti usati nella formazione delle arti marziali. In una situazione che richiede un’azione per salvare la propria vita, la persona reagisce in modo naturale anche se non conosce le arti marziali. Infatti Moshe asseriva che il miglior movimento di autodifesa è quello che viene fuori naturalmente senza pensare6.

Moshe menziona nel suo primo libro di autodifesa7 che un importante aspetto durante i momenti cruciali è di evitare di essere paralizzati. Questa risposta accade quando la persona manca di confidenza con la propria forza. Per superare la paura paralizzante, Moshe raccomandava di essere certi di respirare, sorridere o ridere anche se le circostanze non invitano questa risposta, per muoversi o assumere la Kamae che è una postura marziale di guardia che da potere al corpo. In questo lavoro, Moshe anche raccomandava di leggere il libro di Emile Coué8 sulla autosuggestione cosciente anche perché, come afferma Moti, queste idee sulle potenzialità della mente sono profondamente inglobate nel Metodo Feldenkrais.

Successivamente, Moti ci ha raccontato del percorso di Moshe a partire dalla sua giovinezza quando aveva dovuto migliorare l’efficacia del proprio combattimento col Jiu Jiutsu, fino al suo fondamentale incontro a Parigi con Jigoro Kano (il fondatore del Judo), e dei libri di autodifesa che Moshe  Feldenkrais ha pubblicato nei quali aveva posto l’accento sui molti benefici della pratica del judo come un migliore controllo del piede, l’arte del cadere, la stabilità dinamica, l’orientamento spaziale, l’uso efficace del corpo e della mente e la coordinazione dell’azione che sono tutti temi delle sue lezioni di ATM. Moti spiegava come questi concetti si sono poi concretizzati nella tesi centrale di Moshe quando ha presentato formalmente il suo metodo sostenendo che il corpo e la mente sono una realtà oggettiva e non entità correlate e costituiscono piuttosto un inscindibile intero che funziona in modo integrato.

La scoperta più sorprendente  è stata di constatare che la velocità in movimento non viene dalla forza bruta ma da una calma interiore profonda e da uno stato di attenzione ampio che permette di guidare il movimento dall’impulso iniziale seguendolo lungo la strada più diretta ed efficace.

Alla fine abbiamo messo insieme tutti gli elementi che avevamo praticato per difenderci da una minaccia armata, in coppia abbiamo usato i movimenti a spirale visti nelle lezioni di ATM per deviare dalla linea del fuoco e immobilizzare l’attaccante. La scoperta più sorprendente che ho fatto con questa esperienza è stata di constatare che la velocità in movimento non viene dalla forza bruta ma da una calma interiore profonda e da uno stato di attenzione ampio che permette di guidare il movimento dall’impulso iniziale seguendolo lungo la strada più diretta ed efficace. Secondo Moti, la respirazione non dovrebbe essere un ostacolo per il movimento e il movimento non dovrebbe essere un ostacolo per il respiro.

In questo corso ho sviluppato ulteriormente la mia profonda ammirazione per il lavoro di Moshe Feldenkrais il quale, nelle parole di Moti, era un vero guerriero nella mente, nel cuore e nello spirito. Ho vissuto su di me il processo organico di acquisizione di abilità per la sopravvivenza e per l’autodifesa che non sono utili solo in caso di confronto armato ma anche nel vivere quotidiano che richiede di raggiungere e mantenere stati mentali che guidano verso azioni efficaci e responsabili durante le situazioni di grande tensione. Ho percepito sensazioni nella mia schiena, e con esse le certezze di ciò che poteva essere sentito ma non visto; ho scoperto nuovi modi di compiere giri danzati. Ho compreso che ciò che è importante nel movimento è ciascun momento e che, nelle parole di Moti, non esiste un percorso verso la felicità perché la felicità è nel percorso. Incontrare Moti Nativ in questo corso è stato un onore e un privilegio per il quale sono profondamente grata.

Note

1Corso del Maestro Moti Nativ: La sinergia del Metodo Feldenkrais e le Arti Marziali, organizzato da Candia Garibay per Inspirah Pilates, www.inspirahpilates.com

2 Moti attualmente insegna La consapevolezza del guerriero, che è l’elemento centrale del suo Bujinkan Shiki Dojo, così nominato dal suo Maestro Masaaki Hatsumi per significare Dojo Bujinkan della Consapevolezza. E’ stato grazie alla sua pratica personale di integrazione e di consapevolezza che Moti, con la raccomandazione dei suoi medici, ha potuto evitare un intervento spinale molto serio. Per approfondire la conoscenza del lavoro del Maestro Moti Nativ, visitare www.warriors-awareness.com

3 Durente le lezioni Moti parlava un linguaggio accessibile a chiunque come:  muovi le braccia, le spalle, immagina di tenere una palla, etc. E’ stimolante notare quanto si può imparare se il processo di movimento è diretto con chiarezza.

4 “ Ascolta le sensazioni, come quando senti che c’è qualcuno dietro di te.  E’ importante percepire l’opponente con il corpo in modo che gli occhi possano guardare ciò che avviene intorno.”  – Moti Nativ

5 “Noi siamo forti, abbiamo molte potenzialità nei nostri corpi.” – Moti Nativ

6 “Se qualcuno ti attacca non puoi pensare.  Non appena ti mettessi a pensare saresti ucciso.”. – Moshe Feldenkrais. Nel video che abbiamo visto nella mostra Moshe afferma che “le lotte non sono qualcosa di organizzato come nel dojo, Le persone ti saltano addosso con bastoni e coltelli.  E tu devi tirar fuori non solo la tecnica la soprattutto lo spirito. Quindi c’è la necessità di qualcosa che funziona per la difesa e non solo per l’esibizione in un dojo in condizioni controllate. Qunado qualcuno ti attacca con un coltello non sta giocando, quindi tu non puoi analizzare l’angolo corretto di piazzare la mano secondo la tecnica, devi reagire e lo devi fare in un modo efficace se vuoi salvarti la vita.”

7 Jiu Jiutsu & Self Defense (1931)

8 Emile Coué (1922) Self Mastery through Conscious Autosuggestion. Una edizione italiana di questo testo è: Emile Coué, Il Metodo Coué – L’autosugestione cosciente, 1996, Edizioni Mediterranee.

Moshe tradusse qeusto libro in ebraico e aggiunse due suoi capitoli e Moti ha affermato che questo testo sarà presto disponibile in inglese con i capitoli di Moshe inclusi.

9 Moshe divenne un pioniere del Judo in Francia con  il sotegno e la guida dei suoi maestri  J. Kano e M. Kawaishi. Moti ha consigliato di studiare le seguenti pubblicazioni di Moshe, attualmente disponibili in inglese, sul tema della autodifesa.

– Jiu Jiutsu & Self Defense (1931)

– ABC du Judo (1938)

– Higher Judo – Ground Work (1952)

– Practical unarmed combat (1942) reedited by Moti Nativ as Hadaka-Jime The Core Technique for Practical Unarmed Combat (2009)

10 L’equilibrio instabile fornisce potere. La difesa è andare avanti.  – Moti Nativ

* Tutte le immagini di Moti sono state scattate a Tel Aviv.

Questo testo è una versione italiana del testo di Candia Garibay  Shihan Moti Nativ and Warrior Awarness. L’originale in inglese si trova al  link

http://www.inspirahpilates.com/Inspirah/Blog/Entradas/2010/11/28_Moti_Nativ_and_Warrior_Awareness.html.

Traduzione di Daniela Agazzi, per www.ProgettoFeldenkrais.it, gennaio 2011. Si permette l’uso del testo completo o parziale di questa traduzione con l’unica richiesta di citarne la fonte, sia dell’originale che della versione italiana.

Un Incontro con Ruthy Alon

ruthy alon corona

Ruthy Alon creatrice del programma Bones For Life

Questo articolo (titolo originale ‘Reminiscing: a visit with Ruthy Alon’) è stato ‘ritrovato’ da Ryan Nagy e ri-pubblicato il 4 dicembre 2010 sul suo blog Feldenkrais – Commentary on Feldenkrais Worldwide. Originariamente era stato pubblicato il 4 maggio 2005 dall’autrice Nancy Wozny sul suo blog Motion Potion ed era anche apparso sulla rivista americana Somatics. Gli scritti più recenti di Nancy Wozny invece sono attualmente pubblicati sul suo nuovo blog Dance Hunter.

Quindi questa volta meritano un ringraziamento speciale varie persone: a cominciare da Ruthy Alon, e poi l’autrice dell’intervista Nancy Wozny nonché lo ‘scopritore’ Ryan Nagy. Grazie a tutti voi per avermi dato l’opportunità di ri-trovare una Ruthy Alon di qualche anno fa che racconta di alcuni interessanti aneddoti su Moshe Feldenkrais e sulle tappe dello sviluppo del suo lavoro  Bones For Life.


Un Incontro con Ruthy Alon


Ruthy Alon ha partecipato alla prima formazione del Metodo Feldenkrais.  Adesso, a circa 70 anni, Ruthy è considerata una degli insegnanti più creativi del Metodo. Ruthy ha sviluppato il suo lavoro personale, che ha chiamato Bones for Life®. Il suo lavoro è pieno di creatività. Io ho avuto l’opportunità di incontrarla via e-mail in questo gennaio quando stava insegnando in Nuova Zelanda.

Nancy: Quale ricordo hai della prima impressione di Moshe Feldenkrais?

Ruthy: Io arrivai in via Alexander Yanai, in un enorme stanzone di  un edificio che era usato per le prove di una compagnia di danza yemenita. Vidi molte persone sdraiate sui materassini intensamente impegnate nel non fare nulla. Una voce arrivava dal soffitto (era un registratore a bobina). Moshe era seduto da un lato, ma io non sapevo chi fosse. Infatti, rimasi là per lungo tempo prima di capire che lui era l’insegnante. Fermò il registratore e chiese a qualcuno di fare una dimostrazione. Moshe ebbe un buon momento quando trovò un ingegnere e lo mise sulla graticola perché non distingueva la destra dalla sinistra. Credo che siano passati almeno due anni prima che io gli parlassi personalmente per la prima volta. In quel tempo deve aver avuto circa sessant’anni, che a me sembrava molto vecchio.

Nancy: Come avvenne che Moshe Feldenkrais entrò nella tua vita?

Ruthy: Io ero madre di due bambini e andavo ad una classe serale nel kibbutz dove  vivevo vicino ad Haifa. Il nostro insegnante di ginnastica stava studiando nei primi gruppi di Moshe ed io  sentivo il nome ‘Feldenkrais’ venire fuori continuamente. Feldenkrais ha detto questo e Feldenkrais ha detto quello…. Dopo che avevo finito l’esame di maturità, sentivo che in realtà non avevo imparato niente che avesse coinvolto il mio cuore. Quando tornai a casa dalla mia famiglia vicino a Tel Aviv, iniziai a cercare questo ‘Feldenkrais’- come una intuitiva necessità. Mi ci volle parecchio tempo perché l’insegnante di ginnastica femminile locale, che aveva studiato con lui, mi disse che era solo per insegnanti di ginnastica. Ma io non mollai e lo trovai nell’elenco del telefono. Lui sembrava essere molto importante e non troppo caldamente accettò che io andassi alla sua classe. A quel tempo nessuno poteva immaginare che questo sarebbe diventato una professione che altre persone potevano imparare a svolgere. Mi sono chiesta molte volte: come ho fatto a intuire che sarebbe stata la mia strada il portare avanti tutto questo? Ho capito che ho avuto la fortuna di essere nel posto giusto al momento giusto, ma anche sentivo senza parole chiare il valore reale di questi movimenti al pavimento. Quando ritornavo a casa ero una persona migliore, più paziente ed aperta.

Nancy:  Ricordo che mi dicevi che ti ci è voluto un po’ di tempo per entrare davvero nel lavoro e per ‘acchiapparlo’. Come descriveresti questo processo per ‘acchiapparlo’? E’ stato una comprensione improvvisa, una specie di illuminazione, un ‘Ah-ci-sono’ oppure si trattava piuttosto di un processo graduale come un fuoco lento?

Ruthy: Cominciai a capire nel periodo della formazione sebbene la formazione mi abbia portato più domande che risposte. E ancora di più quando iniziai ad insegnare. Iniziai con un seminario di un mese di ATM (o CAM, classi di Consapevolezza attraverso il movimento) a Boulder, Colorado, con 50 persone. Molti di loro sono Trainers Feldenkrais adesso.

Ho cominciato ad insegnare al livello di comprensione che avevo in quel momento e  successivamente ho chiarito il mio punto di vista e la mia prospettiva. Questo è quello che dico ai miei studenti: il metodo non è solo informazioni che vi vengono trasmesse. Avete bisogno di elaborarlo con il vostro sistema come un’ape digerisce il nettare e lo trasforma in miele. ‘Acchiapparlo’ è quando tu fai il tuo proprio miele. E Moshe ce lo disse in modo molto esplicito ‘Ognuno di voi lo scriverà nella propria calligrafia’. Mi rende triste vedere come si interpreta il metodo nel format del percorso educativo del training e abbiamo perduto l’apprendimento della maestria.

Nancy:  C’è qualche aneddoto preferito che coinvolge Moshe, te e il suo lavoro?

Ruthy: Andai da Moshe dopo essere stata in America. Mi mostrò un pacco di lettere e disse che le persone si complimentavano con lui per avermi insegnanto ad insegnare il suo metodo. Io gli dissi che le persone volevano registrare le lezioni. E gli chiesi se era d’accordo. Mi chiese di portargli una dimostrazione.

Quando tornai con un nastro registrato lui ascoltò per circa mezzo minuto e disse ‘Questo non è inglese’. Così tornai a casa e feci scrivere e revisionare tutto da un esperto e tornai da lui. Fu una bella esperienza a casa di Moshe e  lui era estremamente gentile e delicato.

Lesse alcune righe in cui io parlavo del trattenere il respiro come di un meccanismo di emergenza che diviene parassitario quando la situazione è meno minacciosa. Si fermò e disse ‘Questo non è vero: quando il leone ruggisce la gazzella trattiene il respiro così  può reagire in un attimo per essere in grado di correre velocemente’.

Così andai a casa a correggere il mio errore e gli portati la versione corretta. Lui la lesse e disse ‘No, quando il leone ruggisce la gazzella si paralizza così che il leone abbia qualcosa da mangiare.’

Moshe mi dette il permesso di fare le registrazioni. Qualcuno nella formazione di San Francisco si confrontò con lui su questo chiedendo ‘Perché permetti a Ruthy di fare il tuo lavoro con la sua voce?’ Egli rispose ‘Io voglio che i miei studenti siano indipendenti.’

Nancy: Di cosa sarebbe orgogliso se fosse vivo oggi?

Ruthy: Moshe aveva la visione di insegnare all’intero pianeta da un satellite. Sapeva che chiunque nel mondo ne avrebbe tratto beneficio. Disse che si poteva applicare a qualsiasi altro apprendimento umano, non solo al movimento. Io personalmente mi trovo a mio agio a trasporre i suoi principi nel mio lavoro di Bones For Life dove si esplora la pressione elastica nella verticalità. Credo che abbiamo bisogno di dare maggiori spiegazioni, ed usare l’entusiasmo degli insegnanti per condividere e inoltre rendere più facile per loro il divenire trainers. Sembra che siamo condizionati dalla paura e che non ci muoviamo come potremmo e come insegnamo.

Nancy: Come insegnante hai avuto un ruolo fondamentale nel trasmettere il lavoro alla generazione futura di insegnanti. A cosa pensi durante il primo giorno della formazione?

Ruthy: Il primo giorno è il più duro. Le persone giungono allo sconosciuto – un grosso impegno in un momento di ignoranza. Io parlo poco ma subito all’inizio desidero che essi sentano questa alchimia dei loro organismi che cambiano nella loro percezione mentre migliorano le proprie capacità. Uso molti mini-processi di 5 minuti che sono davvero significativi. L’intera atmosfera si illumina e le persone sono ispirate. Anche li avviso che il cambiare le abitudini vecchie ma sicure può far emergere molte resistenze simili ai modelli ai quali facciamo resistenza nella vita. Così sanno che quando gli succede non si devono sentire a disagio riguardo a sé stessi o maledire il movimento o l’insegnante.

Nancy: Cosa avresti fatto se non avessi incontrato Moshe Feldenkrais?

Ruthy: Se non fosse esistita questa persona unica che era Feldenkrais, noi saremmo tutti a fare fatica a livello dello Yoga, del Pilates e del resto. Io personalmente sarei stata una casalinga, un po’ frustrata, in cerca di qualcosa di soddisfacente. Avevo realizzato a maglia alcuni abiti che andarono ad una manifestazione di moda con tutti i più importanti designers israeliani in giro per tutta l’Europa e negli Stati Uniti. Ricordo che ero a San Francisco al mio primo seminario, quello in cui Fanck Wildman e Dennis Leri incontrarono per la prima volta Feldenkrais. L’organizzatore della manifestazione di moda mi chiamò per andare al Fairmont Hotel. Quando i miei abiti realizzati a mano apparvero sulla passerella fermarono la musica e mi chiesero di alzarmi per parlare. Chiesi all’organizzatore se avessi dovuto spiegare quello che stavo realmente facendo a San Francisco, ma disse ‘No, no, parla solo dei vestiti.’

Una volta in Israele il mio abito da sposa era in televisione e tutti i miei vicini furono molto colpiti, così  il fatto che stavo già insegnando Feldenkrais non fu notato per anni. Questo è il nostro compito principale – cambiare il criterio del pubblico su ciò che è realmente importante nella vita.

Nancy: Tu sei stata molto prolifica nello sviluppare nuovo materiale, e ora il tuo programma Bones For Life ti ha portato in una nuova direzione. In che modo l’eredità del lavoro ci da il permesso di forgiare i nostri percorsi e di essere incisivi col nostro contributo?

Ruthy: Moshe disse ‘Se sai cosa fai, puoi fare ciò che vuoi.’ Quindi la cosa principale è fare quello che vuoi e la consapevolezza di conoscere il come è lo strumento. Io faccio l’esempio dell’allungare il braccio per puntare il dito alla luna. Ma alcune persone tengono gli occhi sulla mano e non puoi spostargli gli occhi dal dito verso la luna: solo loro possono farlo. Per me Moshe ci ha insegnato le dinamiche della creatività e non solo delle idee diverse.

Nancy: Tu hai sviluppato del materiale con il tuo marchio registrato – Bones For Life. Come vedi la relazione tra il Metodo Feldenkrais tradizionale e Bones For Life?

Ruthy: Moshe ha iniziato col judo, l’efficacia ultima in tempo reale e nella realtà del campo gravitazionale con un partner imprevedibile. Ha creato per noi un laboratorio per migliorare la coordinazione con il proposito di imparare a sviluppare maggiormente il nostro potenziale. La sua passione era di guidare gli uomini occidentali in modo che i processi di ATM li portassero a perfezionare loro stessi piuttosto che ad imitare per un tempo infinito il maestro senza comprendere le chiavi. Il contesto perché possa avvenire l’illuminazione corporea del Feldenkrais è da sdraiati al pavimento, liberi dalla gravità e dal giudizio sociale, con il permesso di seguire lo stile e il ritmo individuale per ciascuno. Ora quando io vado ad applicare i principi dell’apprendimento del Feldenkrais a Bones For Life c’è un bisogno significativo di interagire con la gravità con una pressione ritmica ed elastica. Ho bisogno di ricreare una condizione di serra diversa per l’apprendimento. Uso un muro come supporto e per l’allineamento così come il pavimento sostiene e allinea. Aggiungo una imbragatura (sette metri di stoffa) come un prestito di integrazione. Questo è quello che stiamo facendo nella Integrazione Funzionale (IF): diamo alle persone un assaggio di un modello più ideale.

Sono sorpresa di come funziona bene Bones For Life. Io uso un auto-tocco, come portare la nocca del dito indice piegato tra i denti per tirare avanti e poi creare resistenza col collo, che va indietro allineando la testa sulla spina. Quando aggiungiamo a quella posizione un movimento globale, come camminare sul posto, l’allineamento del collo viene rinforzato. E’ una specie di scorciatoia per una buona postura che è necessaria per sostenere le funzioni che richiedono forza.

Provare per credere. I test della densità ossea di un gruppo che ha praticato una volta a settimana per 3 ore e mezza per 4 mesi a Tel Aviv mostrano miglioramenti sorprendenti.

Ci vorrà del tempo prima che nella nostra cultura potremo avere valori misurabili per la qualità e l’armonia. Almeno le ossa possono essere facilmente testate. Naturalmente con ogni ATM miglioriamo il potenziale per il movimento dinamico ma le ossa necessitano di questo stile di movimento, su una base regolare, che sosterrà il naturale meccanismo di nutrimento delle ossa. Il rivoluzionario nuovo modello che otteniamo con le ATM ha bisogno di essere ripetutamente applicato nella verticalità per fare la differenza.

Nancy: Ti trovi nel pieno della scrittura del manuale di Bones for Life. Come sarà?

Ruthy: Il manuale descriverà ciascun processo in dettaglio con una breve introduzione della prospettiva funzionale. Si tratterà di tre testi, uno per ciascun segmento di Bones For Life. Nella formazione che tengo in Italia trascriviamo il materiale come parte del corso e gli studenti avranno il testo di  ogni segmento. Ci sarà la descrizione di più di 100 processi. Ho abbastanza materiale per il primo testo in inglese. Quando ritornerò dalla Nuova Zelanda e dall’Australia, lo finirò.

Nancy: Se tu potessi rivivere di nuovo la tua vita Feldenkrais faresti qualcosa di diverso?

Ruthy: Un giorno quando lo andai a trovare a casa sua, lui mi chiese di salire su una scala e prendere giù un pacco di fogli gialli. Mi chiese di leggere. Era il manoscritto di The Potent Self[i]. Stavo leggendo e ammirando quando impulsivamente dissi ‘Perché non lo pubblichi?’ e lui disse che era perché non aveva ancora completato l’ultimo capitolo. Io continuai ad insistere ma lui se ne venne fuori con ogni tipo di scusa e compresi che gli stavo procurando frustrazione così lasciai perdere. Ma mi ricorderò per sempre quelle pagine gialle scritte a macchina di 40 anni fa.

Quando la formazione di San Francisco si concluse c’era una grande cena in un hotel enorme organizzata da Bill Callison. A questa cena c’erano tutti i principali esponenti del congresso di psicologia e  Jane Houston parlava e diceva ‘Moshe, tu sei lo Yoga dell’Occidente’. Ero seduta al tavolo di Moshe. Da un lato c’era Werner Erhard, il fondatore di EST[ii], e dall’altro lato il console israeliano in San Francisco.

Pensavo che fosse il momento giusto per me per dare un riconoscimento a Moshe per aver avuto quelle idee avanzate 40 anni fa. Mi alzai e disse che Moshe aveva quelle idee già 40 anni fa. Le persone risero. Stavo in piedi dietro Moshe e la sua presenza era sovrastante. Mi sedetti e poi capii che non avevo detto la cosa più importante e cioè del libro a fogli gialli. Mi sentii malissimo. Il giorno successivo iniziò il congresso.

Jean Houston parlava del terzo centenario degli Stati Uniti con tutti i nuovi messaggi dei metodi New Age, nominandoli uno per uno, senza mai menzionare Feldenkrais. Sapevo che lui era nel pubblico e potevo immaginare come si sentiva e quindi capii quello che mi era successo la sera prima.

Quando tornai in Israele andai al suo studio per le Integrazioni Funzionali in via Nachmany e gli dissi che intendevo dargli un riconoscimento ma che egli si ripeteva in quel suo atteggiamento di non avere fiducia che il mondo lo avrebbe riconosciuto, e forte nella sua presenza come era, suggestionava le persone rendendole incapaci di esprimerlo. Forse era successo anche a Jane Houston.

Fu la prima volta in cui dissi qualcosa a Moshe che lui non aveva immediatamente messo alla prova e semplicemente si era messo a pensare. Il mio desiderio è che io possa aver ricevuto il messaggio attraverso di lui e che adesso il mondo lo riconosca sempre più come la migliore qualità di apprendimento universale di quello che è più importante per ciascuna persona – cioè come il suo corpo la sostiene per essere ciò che desidera essere.

Nancy: Se tu dovessi distillare il lavoro Feldenkrais in una sola frase che rappresenti la sua essenza, che cosa diresti?

Ruthy: Per me, il Feldenkrais riguarda il risvegliare l’organismo ad usare in pieno le proprie risorse, a non accettare il compromesso ed invece a creare soluzioni di miglioramento. La consapevolezza, i modelli evolutivi, le variazioni, l’approccio non abituale sono tutti strumenti per risvegliare il nucleo che ha il potere.

Nancy: Quando vedo la tua foto che ti rappresenta mentre salti immediatamente penso alla tua leggerezza e profondità. Ruthy, grazie per avermi incontrato, mi hai donato una vera ricchezza di saggezza, conoscenza e storia. Come sempre, è una gioia passare del tempo con te e apprezzo la tua gentilezza nel condividere le tue molteplici esperienze con la comunità somatica. Ti auguro di completare il tuo manuale e ogni tua futura avventura creativa, qualsiasi essa sia!



[i] Traduzione italiana: Moshe Feldenkrais, Il Metodo Feldenkrais – conoscere se stessi attraverso il movimento, RED edizioni, 2003 (nota del traduttore)

[ii] EST – Ehrard Seminars Training. (nota del traduttore)

Questo testo è una versione italiana di Reminiscing: a visit with Ruthy Alon, dal blog Motion Potion di Nancy Wozny. L’originale in inglese si trova al link  http://motionpotion.blogspot.com/

Traduzione di Daniela Agazzi, per www.ProgettoFeldenkrais.it, gennaio 2011. Si permette l’uso del testo completo o parziale di questa traduzione con l’unica richiesta di citare la fonte, sia dell’originale che della versione italiana.

Bones For Life – Ossa per la Vita: I Fondamenti del programma – di Ruthy Alon

La preghiera dell’integrazione

Dio per favore fammi la grazia della flessibilità delle mie articolazioni,
così potrò avere libertà di movimento;
e dammi la forza per allineare ogni vertebra sull’altra,

così avrò un asse affidabile e sicuro;
e la saggezza di riconoscere la differenza.

Ruthy Alon che salta nell’imbragatura tipica del programma Bones For Life

Recenti ricerche della NASA hanno portato all’attenzione pubblica il tema della perdita della massa ossea e hanno trasformato l’atteggiamento verso di esso. Prima delle investigazioni della NASA su questo argomento, il deterioramento dell’osso era percepito come un normale processo dell’invecchiamento. Questa idea ha perduto credibilità dopo che i giovani astronauti, modelli di salute nella civiltà occidentale, ritornavano dallo spazio con ossa deboli. E’ diventato evidente che il tema del deterioramento del tessuto osseo non dipende solo dall’età ma piuttosto è da mettere in relazione con la reazione dell’organismo alle condizioni in cui vive.

Un ambiente in assenza di gravità non fornisce all’organismo gli stimoli che gli sono necessari per costruire la forza delle ossa. Non vengono generate nuove cellule mentre le vecchie cellule proseguono nel completamento del loro ciclo di vita come al solito. Senza una nuova generazione di cellule la popolazione di cellule ossee diminuisce. L’osso diviene quindi debole e a rischio di frattura.

La perdita del tessuto osseo: è un processo naturale irreversibile con l’avanzare dell’età o è una risposta alle condizioni di vita?

La buona notizia è che la NASA ha mostrato che è possibile recuperare la densità del tessuto osseo perfino anche dopo che si è impoverito. L’organismo risponde alle condizioni del proprio ambiente. Al ritorno dallo spazio, e garantendo le pulsazioni ritmiche di pressione grazie al confronto con la gravità, l’osso si rigenera. Questo può essere ottenuto solo se lo scheletro è predisposto secondo una postura che abbia una traiettoria continua ed efficace, capace di sostenere la forza di pressione. Naturalmente ci sono anche aspetti nutrizionali che sono coinvolti in questo processo di recupero.

Per il grande pubblico questo nuovo approccio porta un incoraggiante messaggio. Esiste la possibilità che il processo del deterioramento osseo possa essere reversibile in certe condizioni.

L’intento del programma Bones For Life è di ricreare le condizioni funzionali che sono in grado di stimolare la ricrescita delle ossa, anche se ormai impoverite.

Un notevole numero di studi e ricerche hanno investigato la difficoltà del corpo maturo, specie nelle donne, di fissare il calcio e i minerali dal sangue nel tessuto osseo. Oltre ai rilevanti aspetti ormonali, nutrizionali e chimici del problema, i ricercatori hanno insistentemente sottolineato la mancanza del movimento vigoroso come uno dei fattori coinvolti nel fallimento dell’assorbimento del minerale e dell’indebolimento del tessuto osseo.

Infatti, lo stile di vita occidentale porta alla mancanza di movimento soprattutto quando esso può essere sostituito da macchine. Si considera un miglioramento tecnologico il fatto che il lavoro del corpo viene svolto da ruote, ascensori e scale automatiche. Come è possibile beneficiare della tecnologia senza per questo pagare il prezzo nella nostra fisiologia? Il movimento del corpo come può influire sulla forza delle ossa?

I ricercatori insistentemente sottolineano la mancanza di movimento vigoroso come una delle ragioni per il fallimento del corpo maturo nell’assorbire dal sangue i minerali essenziali per le ossa.

Il movimento naturale è una sfida tra il peso del corpo e la forza di gravità che lo attrae verso il pianeta. Una creatura senza scheletro può muoversi nell’ambiente richiamando lo sforzo muscolare nella contrazione e poi rilasciandosi nell’espansione. Le creature che possiedono lo scheletro hanno un vantaggio, poiché lo scheletro può superare la gravità risparmiando il lavoro dei  muscoli. Se lo scheletro umano è allineato con una vertebra sopra l’altra approssimativamente secondo una linea verticale, così che il corpo possa poggiare su sé stesso, non è richiesto sforzo muscolare per mantenersi in piedi in equilibrio. In questo modo, quando nel fare il passo aumenta la pressione del corpo sul suolo effettuata dalla spinta elastica del ginocchio che si stende, viene prodotta una contro-pressione proveniente dalla terra la cui forza è equivalente al peso del corpo. Quando lo scheletro è organizzato secondo un asse stabile e allineato, la contro-pressione dalla terra viaggia verso l’alto, slancia la postura e rende più facile l’inizio del successivo passo avanti.

Un movimento umano è efficiente in quanto utilizza il proprio peso corporeo per la propulsione del movimento nell’ambiente. Questo sempre e quando lo scheletro può organizzarsi in una certa configurazione e anche nel suo contrario. Lo scheletro deve possedere la capacità di utilizzare le proprie articolazioni nella flessibilità e al contempo di stabilizzare tutte le proprie vertebre secondo un forte asse longitudinale. Lungo questo asse che assomiglia ad un rigido bastone possono dispiegarsi in modo bidirezionale sia la forza del peso del corpo che la forza di risposta del pianeta in una trasmissione che fluisce indisturbata da un capo all’altro del corpo.

Il movimento vince la forza di gravità mediante un impulso vigoroso del passo elastico sulla terra con la forza del peso del corpo. Come reazione la contro-pressione che proviene dalla terra slancia il corpo e lo muove in avanti con facilità. Per far sì che la forza bidirezionale possa trasmettersi da un capo all’altro senza perdita e senza ritardo lo scheletro deve essere organizzato in modo da accomodarsi alla continuità dello stile di trasmissione caratterizzato da un effetto domino.

Nel camminare questo ciclo di pressione e contro-pressione avviene con pulsazioni ritmiche ad ogni passo. Lo scheletro sofisticato è in grado di coordinare le proprie articolazioni e di permettere un soffice abbandonarsi alla gravità quando un piede si stacca dal suolo e procede nell’aria verso il passo successivo. Quando il piede atterra lo scheletro è immediatamente in grado di accomodare ogni vertebra alla successiva, allineando le ossa in un asse uniforme e stabile che sostiene l’impatto della risposta del terreno e lo utilizza per ottenere la verticalità. I ruoli di flessibilità e stabilità sono ora pronti a scambiarsi di nuovo. Nessuno strumento costruito dall’uomo è in grado di compiere una tale trasformazione polarizzata della tessitura della propria struttura alla velocità di un impulso cerebrale involontario.

Questa alternanza dei ruoli tra flessibilità e stabilità, tra il piegarsi e l’allungarsi, tra la morbidezza e la forza, tra l’atterraggio e il distacco, avviene per una abilità automatica di antichi sistemi del cervello. L’uomo non ha bisogno del controllo conscio per poter coordinare le dinamiche del camminare, anzi, gli è persino difficile ricostruirle intenzionalmente attraverso il pensiero cognitivo.

La capacità di superare la gravità e di trasformare il peso del corpo in una forza propulsiva dipende dalla possibilità delle articolazioni di coordinarsi nell’essere flessibili nonché stabili.  Coordinare le articolazioni dello scheletro a lavorare in armonia è una abilità primordiale del cervello. Il potere propulsivo del camminare dipende dall’abilità di allineare la spina in un asse stabile che possa applicare una resistenza equivalente alla pressione esercitata dal peso del corpo così come, nell’alternanza,  arrendersi alla gravità  e rilasciare la fermezza delle articolazioni.

L’abilità di superare la forza di gravità e di trasformare il peso del corpo in una forza propulsiva dipende dalla capacità delle articolazioni sia di coordinarsi  che di adattarsi l’una all’altra.

Meccanicamente, questo modello di camminata elastica alternata ha l’effetto di rinnovare le ossa. Le pulsazioni ritmiche scuotono il corpo e stimolano la circolazione del sangue favorendo la penetrazione dei nutrienti e dell’ossigeno in ogni cellula del corpo. Solo il movimento vigoroso permetterà ai nutrienti del sangue di penetrare nel tessuto solido dell’osso. Solo uno scheletro ben allineato, che coordina le proprie curve, sarà in grado di sostenere in sicurezza il crescente carico della pressione pulsante prodotta dal movimento dinamico che è necessaria per nutrire l’osso.

Di non minore importanza per la salute dell’osso è la fase della circolazione sanguigna che riporta il sangue dalle estremità verso il cuore e i polmoni. Questa è la fase di pulizia dei residui creati nel processo metabolico. Il sangue nelle vene si muove dalle estremità verso l’alto contro la forza di gravità e questa circolazione tende ad essere più lenta rispetto alla fase di nutrimento nella quale fluisce nelle arterie dal cuore verso il basso. Difficoltà e ritardi nel rimuovere le scorie diminuiscono la vitalità e possono perfino portare a malattia.  Il tessuto osseo, al quale la circolazione stagnante e il movimento corporeo intorpidito non hanno consentito di effettuare il necessario ricambio, non è nella condizione di assorbire più nutrienti per il proprio rinnovamento. E’ un tessuto bloccato che diviene vecchio prima del tempo.

Senza il libero flusso bidirezionale le ossa non possono costruire nuove cellule. Diventano porose e deboli, possono fratturarsi in una brutta caduta e persino senza cadere.  Alcune persone si rompono le ossa solo rigirandosi nel letto.

La qualità elastica del movimento dinamico del camminare aiuta il sangue carico di nutrienti a penetrare nel tessuto solido dell’osso. Senza movimento vigoroso, non solo viene negato all’osso il materiale per costruire nuove cellule, ma anche viene ostacolata la rimozione dei residui creati dal processo metabolico e viene pregiudicata la vitalità dell’osso.

Dal punto di vista neurologico, il modello meccanico di una camminata ben coordinata con uno scheletro efficacemente allineato, con movimento ritmico, armonioso, e capace di produrre la pressione elastica, è percepita dall’organismo come stimolo per rafforzare le ossa e rendere il tessuto più denso. Il cervello identifica le caratteristiche dello stile del camminare che richiede ossa forti e imposta il corpo perché possa assolvere con successo questo compito. La camminata ritmica che sostiene il peso e il rafforzamento delle ossa sono intrecciati insieme come la funzione e la struttura si adattano l’una all’altra.

Se la capacità di muoversi è il criterio ultimo per la sopravvivenza, allora la motivazione cruciale di muoversi crea la possibilità di ottenerlo. L’organismo recluterà e metterà in gioco tutte le risorse per soddisfare i suoi bisogni ed eviterà di utilizzare tutte le capacità quando non identificherà una necessità per questo. Ciò che non viene usato si perde. Se una persona non usa un movimento vigoroso e non sfida le ossa con un aumentato livello di pressione l’organismo può interpretare la diminuita attività come una mancanza di necessità di forza. Ne risulta che la motivazione di costruire la forza delle ossa finirà in fondo alla lista delle priorità. Il movimento debole impoverisce non solo la forza meccanica ma anche la sfida motivante.

Ciò che  non viene usato si perde. Senza sfida la competenza non si sviluppa. Senza movimento dinamico l’organismo non ha la motivazione per diventare più forte.

Nella nostra civilizzazione, come risultato di una limitata attività, non solo le articolazioni divengono troppo rigide o troppo lasse, ma anche il ritmo del movimento diviene frammentato dalla mancanza di coordinazione e il modo di camminare perde sincronia. Non solo la linea dello scheletro devia dalla traiettoria della continuità, esponendo segmenti vulnerabili a compressione e dolore, ma anche i meccanismi interni, che lottano per il benessere, cedono al compromesso e rinunciano alla propria urgenza originaria di una piena vitalità.

Quando il movimento diventa debole, c’è sempre meno volontà di muoversi, e la persona cade in un circolo vizioso di deterioramento. Il movimento debole, senza l’elastica relazione con la gravità, fa all’uomo civilizzato quello che la gravità zero fa ai giovani astronauti. Il movimento non elastico non stimola la forza delle ossa e neppure incoraggia la postura eretta. Con ossa deboli e postura collassata il desiderio di muoversi si affievolisce sempre più.

Il circolo vizioso del deterioramento osseo: il movimento debole e privo di elasticità e una postura misera non permettono una azione dinamica e non consentono di stimolare la costruzione di nuove cellule ossee. Le ossa deboli e la postura collassante limitano la volontà e la possibilità di movimento.

Il modo per uscire da questo circolo vizioso è attraverso una accresciuta vitalità nel movimento fisico. Per poter affrontare con successo la sfida dell’aumentata pressione provocata dal movimento dinamico devono essere aggiornate la qualità della organizzazione corporea, la postura e la coordinazione del movimento. Creare le condizioni per aumentare la forza delle ossa attraverso una postura ben organizzata e il movimento dinamico è il punto di partenza del programma Bones For Life.

La pressione richiesta per nutrire le ossa non è una pressione qualsiasi, e non è certamente la massima pressione statica. La pressione che può stimolare il rafforzamento delle ossa deve essere equivalente nel suo volume, modello, ritmo e nella proporzione della sua distribuzione nelle parti del corpo alla pressione prevalente nel più fondamentale dei movimenti: una sana e vigorosa camminata.

La pressione ideale che sostiene la forza e la flessibilità delle ossa si trova in un range di pressione molto specifico. Qualsiasi deviazione da quel livello non sarebbe utile nel migliore dei casi e potrebbe addirittura essere dannosa nei peggiori. La pressione tagliente e cronica causerà erosione. Moderare il livello di pressione non è un compito semplice. Rinunciare alla motivazione compulsiva di esprimere l’intenzione con la massima forza, piuttosto che con la massima sensibilità, richiede consapevolezza e senso della misura.

La pressione specifica che rinforza le ossa deve essere equivalente nel volume, modello, ritmo e proporzione nella distribuzione tra le parti del corpo al più fondamentale dei movimenti: una camminata sana e vigorosa.

Un tema cruciale del programma per stimolare la forza delle ossa attraverso il movimento dinamico è come le persone con un basso livello di fitness saranno in grado di confrontarsi con la sfida di una intensa pressione. Le persone che hanno rinunciato all’attività fisica al punto in cui le loro ossa sono diventate porose e a rischio di fratture come possono fare esperienza del movimento dinamico senza frustrazione e senza farsi male? Le persone con posture deteriorate e le cui opzioni di movimento sono limitate come potranno praticare con una vivacità significativa senza per questo portare danno alle articolazioni vulnerabili del loro allineamento disfunzionale? In verità, le persone che più necessitano del movimento dinamico sono spesso quelle che hanno minor capacità di sostenerlo.

Il tema centrale del programma per stimolare la forza delle ossa è: le persone con un range limitato nel movimento e con posture inaffidabili come possono confrontarsi con la sfida di una pressione intensa senza danneggiarsi?

Infatti la sicurezza personale di ciascun allievo è considerazione primaria nel programma per il recupero della forza delle ossa e questo è il suo specifico contributo. I processi di movimento del programma Bones For Life sono presentati in un contesto di apprendimento che garantisce la moderazione e la cura di sé. Il programma offre molte strategie per proteggere le articolazioni vulnerabili delle curve della spina, le ginocchia, e le anche via via che acquisiscono la funzione dell’elasticità.

Il programma Bones For Life trae la propria efficacia dall’approccio all’apprendimento somatico sviluppato dal Dottor Moshe Feldenkrais (scienziato israeliano, 1904-1984). I suoi metodi Awareness Through Movement®  (Consapevolezza Attraverso il Movimento®) e Functional Integration® (Integrazione Funzionale®) offrono una rieducazione dei modelli abituali di organizzazione motoria. Una chiave centrale dell’approccio Feldenkrais per migliorare una funzione è attraverso la prospettiva dell’integrazione. Per poter migliorare una disfunzione specifica e apparentemente locale e modificare il suo modello controproducente è necessario ri-adattare le abitudini di tutte le altre parti del corpo così che potranno sostenere le nuove opzioni suggerite. Questo modo di intendere la chiave partendo dalla totalità dell’integrazione è congruente con il modo in cui qualsiasi organismo agisce. Un organismo vivente funziona come una rete in cui ogni parte influenza il tutto.

Le abitudini di movimento e di postura,  che sono persistenti come qualsiasi altra dipendenza, iniziano a lasciar andare il proprio controllo sulla persona quando vengono affrontate dalla prospettiva dell’integrazione. Feldenkrais diceva che le abitudini potevano essere cambiate nello stesso modo in cui si sono formate.  Proprio come un neonato acquisisce con una sperimentazione senza fine la maestria delle proprie funzioni motorie come gattonare e camminare allo stesso modo il processo per riformare le abitudini porta lo studente adulto ad esplorare una moltitudine di opzioni inusuali osservando la collaborazione del resto del corpo nello specifico movimento.

Ogni parte del corpo è dipendente dalla collaborazione con l’intero. Questa è la caratteristica di ogni organismo vivente. Il Metodo Feldenkrais® comunica con il cervello per mezzo del linguaggio dell’integrazione. Per recuperare una funzione danneggiata o limitata è necessario negoziare l’accordo con tutte le parti del corpo che si aggiorneranno e ri-adatteranno le proprie abitudini.

Questo processo attiva la facoltà che scopre armoniose soluzioni per il benessere della persona. Raffinare la qualità del movimento risveglia il cervello alla proprietà più basilare di ogni creatura vivente: un impulso non negoziabile di raggiungere il massimo benessere. Invece di una imitazione esteriore di idee autoritarie prese in prestito il ri-apprendimento autonomo attraverso il Metodo Feldenkrais® valorizza il meccanismo di giudizio autonomo e promuove l’ascolto del proprio feedback che può condurre il movimento verso la qualità ottimale.

Conquistare la qualità ottimale della coordinazione del movimento non è puramente un conseguimento fisico. Al contrario, lo sforzo fisico tende ad oscurare la sottigliezza della osservazione consapevole che può elevare verso il movimento ben organizzato.

Scoprire coordinazioni efficaci nel laboratorio dell’esperienza richiede una atmosfera di sostegno che possa dissolvere l’eccessivo attaccamento associato alle abitudini.  Per poter ottenere una tale accuratezza nell’auto-osservazione il confine dello sforzo deve essere portato al minimo. Affinché sia possibile rispettare i confini delle proprie capacità è necessario il movimento lento, ad un ritmo che permette l’ascolto interiore e la consapevolezza. Perfino il confronto con la gravità è reso piacevole nel Metodo Feldenkrais® visto che la persona è sdraiata a terra per la maggior parte del tempo. Il pavimento fornisce l’opportunità di superare le tensioni abituali e di scoprire nuove possibilità in una modalità che venga accettata dall’organismo.

Nel programma Bones For Life comunque è necessario applicare l’aumentata forza del movimento dinamico nel contesto di una postura eretta che sostiene il peso. L’impatto necessario per stimolare la forza delle ossa può essere raggiunto con un movimento elastico che abbia uno specifico e rapido ritmo. Il programma Bones For Life usa il laboratorio della coordinazione che deriva dal Metodo Feldenkrais® e applica i suoi principi di apprendimento somatico integrativo nel contesto degli specifici movimenti dinamici ed elastici e di una postura eretta che sostiene il peso così come è necessario per stimolare la forza delle ossa.

Il programma Bones For Life usa il laboratorio della coordinazione del Metodo Feldenkrais® e applica i suoi principi di apprendimento somatico integrativo allo specifico contesto dei movimenti dinamici ed elastici e della postura eretta che sostiene il peso come necessario per stimolare la forza delle ossa.

Il programma Bones For Life offre una varietà di misure protettive per garantire la sicurezza del corpo nonché la possibilità del distacco dai modelli abituali. Lo strumento principale per affrontare la pressione per sostenere il peso senza rischio di danni è una striscia di tessuto, lunga 7 metri, che viene avvolta attorno al corpo come una imbracatura.

L’imbracatura tiene il corpo compatto fornendogli la forza affidabile di un asse. Essa guida ciascuna articolazione nell’assumere la propria disposizione proporzionata secondo un più funzionale allineamento in modo che l’abilità del corpo di esercitare resistenza possa aumentare. Questa esposizione delle ossa ad una accresciuta pressione nel movimento è la risorsa per la loro guarigione. L’imbracatura permette anche ad una persona con un corpo non ben organizzato di fare esperienza su di sé di un modello di postura più efficiente con la quale può sviluppare sia una sicura immagine di sé nonché la capacità effettiva di praticare movimenti con carico di peso senza rischio. Alcuni quotidiani movimenti rimbalzati praticati avvolti nell’imbracatura procurano l’occasione per ciascuna parte del corpo di sviluppare la propria parte di responsabilità verso uno stile migliorato di auto-organizzazione. Subito dopo l’allineamento migliorato è spontaneamente riflesso nello stare in piedi senza la stampella dell’imbracatura e può costituire l’inizio di una postura aggiornata.

L’imbracatura, una striscia di tessuto lungo 7 metri, tiene il corpo compatto garantendogli la forza di un asse verticale. Essa consente persino ad una persona con un corpo non ben organizzato di fare esperienza su di sé di un modello di postura più efficiente  con la quale può sviluppare sia una sicura immagine di sé nonché la capacità effettiva di praticare movimenti con carico di peso senza rischio.

Un altra modalità per un apprendimento sicuro è l’uso di un muro per lavorare in resistenza. Spingere il muro con le mani o con i piedi rimanendo sdraiati garantisce una più efficiente via di trasmissione della pressione attraverso lo scheletro. Appoggiare la schiena al muro stando in piedi fornisce una migliore possibilità alla forza prodotta dal piede di generare un effetto domino per una trasmissione della pressione, morbida e sostenuta, che fluisce su da un capo all’altro.

Aggiungere la sfida di alterare la superficie del muro usando vari materiali può incoraggiare la postura a ri-allinearsi in un modo che evade dalle vecchie abitudini nonché risveglia il cervello verso l’intelligenza dell’adattamento. Dopo aver appoggiato la schiena su una superficie alterata di muro la persona inizia a camminare sul posto. Nel contesto di questo modello naturale di camminata, che il corpo comprende e con il quale è in confidenza, l’allineamento della postura viene rinforzato. Le vecchie abitudini così iniziano ad aprirsi e a trasformarsi. L’attività del camminare rinforza l’appena appreso allineamento della postura e la fissa. Il movimento ri-organizza la struttura nel quale opera. La combinazione del creare un cambiamento nella struttura all’interno di un contesto di pratica di una funzione dinamica porta a sorprendenti miglioramenti.

I novanta processi di movimento del programma Bones For Life usano  configurazioni di movimento che derivano dal repertorio di modelli motori che si trovano in natura. Questi modelli sono stati selezionati per la massima efficienza per milioni di anni di evoluzione. Sono registrati nella memoria funzionale delle specie. Riattivare queste formule primordiali fornisce l’accesso ad una riserva di conoscenza che risveglia il cervello al suo talento principale – la determinazione nel raggiungere il benessere. E’ come quando vengono accennate poche note di una lungamente dimenticata canzone dell’infanzia che subito siamo in grado di proseguire a cantare con gioia.

Alla fine di un processo di movimento che è stato appositamente progettato con l’intento di rinforzare le ossa il corpo sceglie spontaneamente una postura migliore. La testa si trova sulla cima della spina e, nel camminare, il movimento fluisce con armonia e pieno di vitalità.

Dopo aver fatto esperienza di una organizzazione più efficiente con la pratica del programma, tutti i movimenti della vita quotidiana continueranno a sostenere il progetto di rinforzare le ossa. La pressione elastica del camminare fluirà senza interferenze attraverso lo scheletro ben allineato senza rimanere bloccata da barriere posturali. Le pulsazioni della pressione in un corpo ben organizzato arrivano da un capo all’altro senza perdita di forza e ritmo favorendo la circolazione sanguigna nel penetrare anche il rigido tessuto dell’osso e di nutrire il rinnovamento delle cellule.

Tutti i processi del programma Bones For Life usano configurazioni di movimento derivate dal repertorio di modelli motori che si trovano in natura che sono stati selezionati per la massima efficienza per milioni di anni di evoluzione.

Le ossa sono organi vivi e reattivi ed è possibile fornire loro le condizioni originali adatte per stimolare la loro forza. La salute delle ossa è parte dell’ecologia personale di ciascuno e si trova nelle mani e nei piedi di ogni uomo e donna senza sottomettersi a nessuna autorità esterna. Ogni persona che può camminare è in grado di arrestare, ad un maggiore o minore grado, il processo di impoverimento delle ossa. Il deterioramento può essere persino invertito per mezzo del movimento naturale. Test clinici, eseguiti dopo un periodo di lavoro di quattro mesi da parte di un gruppo di studenti di Tel Aviv (2001), mostrano risultati davvero incoraggianti.

Ogni persona può imparare al proprio ritmo, gradualmente e in sicurezza, i modelli fondamentali del movimento naturale e può ri-impadronirsi di uno stile ricco di pressione elastica e quindi offrire all’organismo la chiave per rinforzare le ossa.

Il movimento naturale, che risuona in ogni parte del corpo, le integra tutte in una aggraziata armonia. Organizza il corpo sia per la stabilità che per la flessibilità. Inspira la fiducia nelle proprie ossa così come la libertà delle articolazioni. La gioia che procura il praticare movimenti vigorosi con facilità e successo è un compagno costante dell’attività dinamica. Questa gioia io la chiamo ottimismo biologico. L’ottimismo biologico nel riconquistare il movimento naturale è il reale beneficio del programma e il rinforzare le ossa è il bonus.

Ottimismo biologico: il vero beneficio del programma. Rinforzare le ossa: il bonus.

©2010 Bones For Life, Ruthy Alon

Questo testo è una versione italiana di The Program Concepts, dal sito ufficiale del programma Bones for Life®.

L’originale in inglese si trova al link  http://www.bonesforlife.com/concepts.asp.

Traduzione di Daniela Agazzi, per www.ProgettoFeldenkrais.it, agosto 2010. Si permette l’uso del testo completo o parziale di questa traduzione con l’unica richiesta di citare la fonte, sia dell’originale che della versione italiana.

Imparare a differenziare i modelli motori

Completiamo con questa seconda parte la riflessione sull’articolo di Ann Joyce.

Se una persona sana vuole guardare un oggetto accanto a sé può semplicemente girare la testa, oppure ruotare insieme alla testa le spalle o addirittura può girare su un piede per ruotare con tutto il corpo nello spazio per dirigersi verso l’oggetto. E’ questa possibilità di scelta dell’individuo che rende i suoi movimenti ‘differenziati’. E il movimento viene scelto secondo il contesto. Per esempio se una persona incontra un conoscente per strada può girare la testa per salutarlo, oppure ruotare anche le spalle oppure girare su sé stesso per andargli incontro. Più una persona ha un repertorio di movimenti differenziati più ha possibilità per scegliere quello migliore. Alcune persone non hanno queste possibilità: i loro schemi motori sono in una certa misura ‘indifferenziati’. Non hanno possibilità di scelta.
Col Metodo Feldenkrais possiamo gradualmente, ma progressivamente ampliare questo repertorio. Ad esempio, in una lezione di Integrazione Funzionale, per mezzo di tocchi gentili possiamo cominciare ad esplorare lo schema diagonale ‘dimenticato’, creando una relazione tra la spalla e l’anca opposta, nonché allungando la spina e facilitando la rotazione della testa.
Un po’ alla volta, il respiro comincia ad essere più ampio e profondo e così possiamo integrare il lavoro con altri dettagli come creare maggior possibilità di muovere le scapole separatamente dalle costole. In un tempo anche breve i cambiamenti possono essere davvero sorprendenti.

In cosa è diverso il Metodo Feldenkrais?

Vari studi hanno dimostrato che le persone che praticano il Metodo Feldenkrais raggiungono maggiormente un migliore equilibrio, un miglioramento dei sintomi negativi e dolorosi nonché senso di benessere e di autostima rispetto a coloro che non lo fanno. Ci sono vari aspetti che differenziano il Metodo Feldenkrais da altri tipi di intervento. Non è un programma di esercizi, non è stretching o massaggio, e nemmeno terapia (cura per una patologia specifica). Le persone con cui lavoriamo sono i nostri ‘studenti’ grazie all’apprendimento che si verifica nella pratica. I movimenti del corpo, sia attivi che passivi, stimolano il cervello. L’apprendimento avviene quando nuovi schemi motori sono appresi e interiorizzati, tenendo sempre a mente che l’apprendimento non è tutto volontario o conscio.
L’apprendimento avviene istantaneamente nelle circostanze adatte. Vi è mai capitato di lottare per imparare qualcosa di nuovo, metterlo da parte, e quindi quando ci ritornate successivamente avere successo? Ecco! E’ così che avviene. Nel momento in cui l’apprendimento avviene la persona può smettere di pensarci e il nuovo schema fa parte del repertorio dei movimenti abituali.
Un’altra differenza consiste nel modo di trattare debolezza muscolare e limiti nell’ampiezza di movimento delle articolazioni. Solitamente i terapisti isolano la parte limitata o dolente. Ma spesso le persone che presentano limiti in qualche area del corpo sperimentano limiti anche in altre aree diverse da quella. L’ampiezza del movimento nelle articolazioni viene trattata come stretching o qualche forzatura che può anche causare disagio. La nostra modalità è di muovere la persona nella direzione e per l’ampiezza che gli è comoda. L’aumento dell’ampiezza di movimento avviene perché il corpo riconosce come non più necessarie le tensioni croniche e le rilascia. L’intero corpo sente e agisce come un organismo integrato.
Il dottor Feldenkrais sosteneva che il nostro scheletro è stato creato per sostenerci mentre la muscolatura e i tessuti connettivi per muoverci e non per rimanere cronicamente in uno stato di contrazione. Il Metodo Feldenkrais fornisce una esperienza cinestesica per cui il movimento viene distribuito più diffusamente nel corpo per cui si ottiene una maggiore ampiezza di movimento. Per esempio se una persona cammina curvata in avanti sarà incapace di rilasciare certi muscoli. Ma se le viene insegnato grazie al metodo che può sostenersi maggiormente grazie allo scheletro potrà rilasciare lo sforzo non necessario della sua muscolatura ottenendo una camminata migliore e una maggior libertà di movimento. Inoltre mantenere tutto piacevole e essere nel momento sono caratteristiche speciali del metodo.

Relazione tra memoria di procedure motorie e memoria emotiva.

Le persone affette da Alzheimer ricordano gli stimoli emotivi positivi. E’ piuttosto evidente che il tocco gentile del Metodo Feldenkrais crea una memoria emotiva positiva e facilita l’instaurarsi della fiducia anche se il richiamo stesso dell’esperienza emotiva non è più possibile negli stadi avanzati della malattia. Sebbene sembri che le persone affette da Alzheimer possano perdere rapidamente gli schemi motori acquisiti durante la lezione ho notato che essi vengono rapidamente recuperati nelle lezioni successive. Credo che ciò sia possibile in parte grazie alla connessione mente-corpo e in parte grazie al fatto che la memoria di procedure motorie (che abbiamo visto essere una parte specifica della memoria di procedure – vedi articolo precedente) e la memoria emotiva non sono separabili. Anche se si tratta di due abilità differenti, credo che le capacità di apprendimento motorio e la memoria emotiva si integrino permettendo a queste persone di apprendere lezione dopo lezione. Mantenere tutto piacevole e essere nel momento sono caratteristiche speciali del metodo. Per le persone affette da Alzheimer che non hanno più ricordi e non hanno consapevolezza del loro futuro esiste solo il presente e tale presente può essere reso significativo da esperienze come questa.

Aspettative e esplorazioni: obiettivi e qualità della vita. Chi decide sulla qualità della vita?

Nei trattamenti tradizionali è l’esperto che decide quali sono gli obiettivi del lavoro. Attraverso questa esperienza con il Metodo Feldenkrais invece mi sono resa conto che, anche in casi come questi, il metodo fornisce una esperienza individuale che lascia poi emergere i bisogni direttamente dalla persona, in modo verbale o come altro li può esprimere.
Non esiste nessun percorso pre-tracciato che ci possa garantire il risultato finale di una lezione. In genere, quando nel corpo avviene qualcosa di positivo, la mente lo riconosce e lo fa suo. E allora i cambiamenti avvengono. Ma che cosa accade se una persona non desidera cambiare e il nostro lavoro gli procura maggior disagio?
Con l’esperienza mi sono resa conto che non è buono porre i nostri obiettivi come obiettivi di una persona, anche se al fine di aiutarla. Forse non è possibile aiutare chiunque ma per molti possiamo creare una differenza significativa. Ognuno risponde in modo unico. Ma se troviamo un modo per cui una persona possa comunicare meglio i suoi desideri, bisogni, dolori ciò porterà grande differenza nella qualità della sua vita.

(estratti dal riassunto dall’articolo pubblicato in ‘Alzheimer care quarterly, Ann J., Individual with dementia learn new habits and are empowered through the Feldenkrais Method, volume 7, issue 4, 2006, pp. 278-286’)

Il Metodo Feldenkrais è un modo per insegnare alle persone abitudini più efficaci.

Vi presentiamo spunti di riflessione tratti da un articolo sull’esperienza dell’insegnante Feldenkrais Ann Joyce con persone affette da Alzheimer dove si descrive il valore che l’apprendimento di procedure motorie può aggiungere alla qualità della vita degli esseri umani.

Il Metodo Feldenkrais può insegnare anche alla persona a modificare i movimenti malsani e improduttivi e a scoprire modelli più funzionali ed efficaci. Possedendo modelli migliori la persona può muoversi più liberamente, ridurre il rischio di cadute, migliorare la propria capacità di attenzione e di comunicazione, respirare e dormire meglio. Qualsiasi sia la diagnosi, la persona inizia a gioire di una più alta qualità della vita.

Mary, 96 anni, si trova in una grave fase della sua patologia Alzheimer e vive su una sedia a rotelle completamente accudita dalla sua famiglia. Sua figlia nota la sua espressione contratta ed è sicura che prova dolore, anche se non può esprimerlo con le parole, nota inoltre che altre terapie non danno alcun risultato. Mery è resistente al movimento, anche quando la mettono a letto rimane nella posizione in cui la dispongono senza aggiustarsi per la propria comodità.
Nella prima lezione con Mary era fondamentale trovare una posizione che le permettesse di rilassarsi. Ho lavorato facendola sdraiare sulla schiena con un rotolo che le sosteneva le ginocchia. In questo modo alcuni dei muscoli che era abitualmente contratti potevano rilassarsi e altri muscoli ‘dimenticati’ potevano risvegliarsi e successivamente contribuire ad una migliore posizione eretta. Ossevandola si notava che il respiro era appena visibile ed avveniva soprattutto nella pancia.
Nelle lezioni con Mary ho lavorato appoggiando le mani sulle sue scapole e sostenendola, cercando la relazione tra i movimenti delle scapole con quelli delle altre parti del corpo, fino al bacino e alle anche. Posso fare lo stesso con le costole. Se io faccio girare la sua testa vien fatto solo parzialmente con l’intento di verificare fino a che punto questo movimento coinvolge la spina.

Ciò che rende il Metodo Feldenkrais diverso da ogni altro rimedio attraverso il movimento è che si guarda continuamente alla relazione tra le varie parti del corpo, tra un movimento e un altro. Per esempio, se Mary volesse girare la testa per guardare qualcosa, io osserverei come quel movimento influisce sullo spostamento del peso sulla sua sedia oppure se gli occhi aiutano o limitano il movimento stesso.

Il mio tocco gentile permetteva un dialogo che io potevo riconoscere grazie al suo respiro che diventava più pieno e ampio e dal fatto che sentivo che la sua muscolatura si rilassava nelle mie mani. Dopo diversi incontri Mary poteva stare in piedi un po’, fare un passo e sedere più comodamente. Poteva allungare le gambe in modo migliore, poteva piegarsi in avanti in modo da poter poi aprire meglio la bocca per mangiare ed era più sciolta quando veniva in piedi.

Come possiamo comunicare con persone che non usano più la parola? Come possiamo aiutarle a relazionarsi col mondo e come possiamo noi stessi relazionarci con loro? Queste sono difficoltà che incontrano i curatori e i familiari delle persone affette dall’Alzheimer e da altre malattie.
Molti anziani che vengono accuditi in famiglia non sperimentano più un tocco gentile. Il Metodo Feldenkrais permette loro invece di provare ancora quel contatto di sostegno e di amore perduto da lungo tempo. Le persone lo accolgono e lo apprezzano.

Memoria e apprendimento: l’apprendimento di procedure e come i comportamenti acquisiti divengono abitudini.

L’Alzheimer è una patologia irreversibile che causa danni alle cellule del cervello e perdita di memoria e dell’uso di funzioni. Nei primi stadi la persona è confusa, nei successivi ha problemi con il linguaggio, l’apprendimento e l’esecuzione dei compiti abituali e nella fase più grave non è più in grado di occuparsi di sé stessa compreso l’atto di nutrirsi.
Sebbene le persone affette da Alzheimer nella fase più grave abbiano poca relazione col mondo esterno e ben poca consapevolezza di sé stessi rimane la possibilità di mantenere la capacità di apprendimento attraverso la memoria di procedure. Esistono vari tipi di memoria tra i quali la memoria dichiarativa (la capacità conscia di ricordare eventi e fatti che viene presto perduta con questa patologia), la memoria di procedure cioè ‘l’imparare facendo’ (che comprende le attività ripetitive, le abitudini e l’apprendimento motorio) che persiste più a lungo nell’individuo. Inoltre c’è la memoria emozionale che riguarda il richiamare stimoli emotivi di cui parleremo dopo.

Le nostre abitudini, che sono comportamenti automatici appresi attraverso le esperienze della vita, sono fondamentali. Senza abitudini, occorrerebbe molto tempo per pensare ogni singola azione della nostra vita, rendendo così impossibile portare a termine il più semplice compito. Le abitudini ci possono aiutare o limitare. Quando le abitudini sono apprese in una situazione di malattia o di trauma possono aiutarci per un periodo agendo come una protezione ma nel momento in cui abbiamo recuperato il disagio quelle abitudini motorie protettive diventano improduttive.
Vediamo un esempio del camminare e della potenzialità del cadere. Diciamo che una persona ha paura di scivolare sul ghiaccio nel periodo invernale e quindi aggiusterà la propria camminata al contesto facendo, per esempio, passi più piccoli o irrigidendo il tronco e questo può diventare rapidamente una abitudine. Ma al termine dell’inverno la persona tenderà a mantenere l’abitudine e quel modo di camminare gli lascerà una maggiore possibilità di andare incontro a cadute.
Nel caso di individui affetti da Alzheimer sono queste abitudini, memorie di procedure o comportamenti appresi, che gli permettono di andare avanti più a lungo. Poiché la funzione motoria è una delle ultime ad essere invasa dalla patologia Alzheimer queste persone possono ancora camminare e girellare quando le altre funzioni di ragionamento e di comunicazione sono già intaccate, anche se non sono più consapevoli dei pericoli che si trovano intorno a loro e quindi sono comunque esposti a cadute e traumi.
Quando ho cominciato a lavorare con persone affette da Alzheimer non sapevo fino a che punto avrei potuto aiutarle: apparentemente non mi riconoscevano, almeno nel senso quotidiano del termine e avrebbero potuto dimenticare tutto dopo pochi minuti. Così ho scoperto che non è necessario essere coscienti e capaci di ricordare per avere benefici. Poiché il Metodo Feldenkrais modifica le abitudini di una persona vidi che i risultati potevano essere positivi e permanenti grazie alla capacità umana dell’apprendimento delle procedure.

(estratto dal riassunto dell’articolo pubblicato in ‘Alzheimer care quarterly, Ann J., Individual with dementia learn new habits and are empowered through the Feldenkrais Method, volume 7, issue 4, 2006, pp. 278-286’)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: